HomeCriptovaluteCrypto Boy: il film su Netflix dello schema Ponzi che coinvolge le...

Crypto Boy: il film su Netflix dello schema Ponzi che coinvolge le criptovalute

“Crypto Boy” è il nome di un film su Netflix che racconta la storia di Amir, un ragazzo caduto nella truffa di uno Schema Ponzi che coinvolge le criptovalute. 

Crypto Boy: il film su Netflix che parla del ragazzo caduto nella truffa che coinvolge le criptovalute

“Crypto Boy”, è il nome del film su Netflix uscito lo scorso ottobre 2023, che parla di Amir, un ragazzo caduto in una truffa Schema Ponzi, che coinvolge le criptovalute. 

Nel film, Amir rappresenta un ragazzo qualunque che, come tanti, avendo delle esigenze economiche, si è lasciato avvolgere dal mistero delle criptovalute, venendo però risucchiato da una truffa. 

E infatti, la trama di Crypto Boy vede Amir che inizialmente lavora nel ristorante del padre, che però poi deve affrontare momenti economici molto difficili. Proprio per questo, dopo aver assistito ad una conferenza di una società di investimenti in criptovalute, il protagonista ne rimane affascinato al punto di partecipare. 

In pratica, il gestore della società, Roy, avrebbe promesso facili guadagni attraverso trading e investimenti. Amir finisce per 

Amir è così fiducioso della piattaforma che coinvolge le criptovalute, al punto di investire tutti i suoi risparmi e di coinvolgere amici e parenti nello schema piramidale, raggiungendo così in poco tempo denaro e libertà mai sperimentati prima. 

E fu così, che poi si rivelò lo Schema Ponzi, proprio quando la piattaforma blocca soldi e prelievi. Amir e tutte le altre vittime rimangono truffati, mentre Roy e i creatori della piattaforma spariscono dai radar. 

Il film su Netflix termina con Amir che perde tutto, impara la lezione e si riconcilia col padre, tornando a lavorare per il ristorante. 

Crypto Boy: il film su Netflix sullo Schema Ponzi che coinvolge le criptovalute e il caso delle ICO

Lo Schema Ponzi raccontato in Crypto Boy è una situazione che nel mondo crypto esiste da un decennio, anche se in forme diverse. 

A dare spazio a questa tipologia di truffa è da sempre la grande ignoranza esistente nel settore crypto, oltre che le reali oscillazioni di prezzo che Bitcoin e le altre criptovalute hanno vissuto negli anni. 

Per fare un esempio pratico, nel 2017 c’è stata la prima bull run di Bitcoin, che ha visto il prezzo di BTC salire sopra i 17.000$ a dicembre, rispetto ai 7000$ del mese precedente. 

Subito nel 2018, la tecnica del Schema Ponzi con struttura piramidale che ha registrato maggior numero di truffe nel settore crypto, interessava le Initial Coin Offering (ICO). 

Già in un’analisi di luglio 2018 affermava che, su 1450 ICO analizzate, 271 erano sospette, calcolando che il capitale totale investito nei progetti truffaldini fosse intorno a 1 miliardo di dollari. 

In pratica, i progetti che lanciavano nuovi token per raccogliere fondi per i loro sviluppi, spesso e volentieri risultavano essere dei semplici pdf, o delle pagine web, senza dietro una reale azienda, team, whitepaper e altro. 

A fare gola agli utenti crypto-investor vittime è stata dunque la loro abilità di affascinarli con promesse di guadagni facili, proprio come nel caso del film di Crypto Boy. Non solo, spesso e volentieri, i guadagni arrivavano in modo più rapido coinvolgendo nuovi affiliati e quindi creando la truffa con la struttura piramidale. 

Le tecniche di scam con le criptovalute di tendenza

Lo Schema Ponzi a struttura piramidale raccontato su Netflix dal film di Crypto Boy, si unisce ad una serie di tecniche che coinvolgono le criptovalute più attuali. 

E infatti, rispetto agli albori del mondo crypto, ad oggi, con la sua continua espansione, continua ad aumentare anche il numero di truffe e di crypto scam. 

Proprio per non cadere nella “magia delle crypto”, quella però creata solo per truffare gli utenti con promesse super affascinanti, è necessario che gli utenti conoscano quali tecniche di crypto scam sono in tendenza. 

Ad esempio, a inizio gennaio 2024, Eric Jardine, Cybercrime Research Lead di Chainalysis, ha descritto la tecnica dell’approval phishing che sembra stia crescendo in modo esplosivo nel mondo crypto. 

Altri studi, invece, hanno creato la classifica dei top 5 maggiori crypto scam nel 2023 per fondi andati persi. In pratica, la tecnica che ha fatto perdere più fondi è “access control”, seguita dal “rug pull”, “oracle issue”, “flash loan attach” e “phishing”. 

Stefania Stimolo
Stefania Stimolo
Laureata in Marketing e Comunicazione, Stefania è un’esploratrice di opportunità innovative. Partendo come Sales Assistant per e-commerce, nel 2016 inizia ad appassionarsi al mondo digitale autonomamente, inizialmente in ambito Network Marketing dove conosce e si appassiona dell’ideale di Bitcoin e tecnologia Blockchain diventandone una divulgatrice come copywriter e traduttrice per progetti ICO e blog, ed organizzando corsi conoscitivi.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS

GoldBrick