HomeCriptovaluteCrypto news: BlackRock pronta a richiedere l’ETF su Solana il mese prossimo

Crypto news: BlackRock pronta a richiedere l’ETF su Solana il mese prossimo

Secondo le ultime crypto news, BlackRock è pronta a richiedere l’ETF su Solana (SOL) il mese prossimo, mossa che potrebbe segnare un passo importante per la criptovaluta e per l’ecosistema blockchain in generale. 

Vediamo di seguito tutti i dettagli. 

BlackRock continua a spingere l’adozione delle crypto: l’ETF su Solana 

Negli ultimi anni, BlackRock ha dimostrato un crescente interesse per il mondo delle criptovalute. Recentemente, la notizia che il colosso finanziario sia pronto a richiedere un ETF su Solana ha scatenato un grande fermento nel mercato. 

La possibile approvazione di un ETF su SOL infatti, rappresenterebbe un ulteriore passo verso l’adozione mainstream delle criptovalute.

Inoltre, la mossa verso un ETF su Solana potrebbe essere vista come una strategia per diversificare le offerte e attrarre un pubblico più ampio di investitori.

Solana, con la sua blockchain ad alta velocità e i suoi costi di transazione ridotti, ha guadagnato una notevole popolarità tra gli sviluppatori e gli investitori. 

L’introduzione di un ETF su Solana da parte di BlackRock potrebbe non solo aumentare la legittimità di questa criptovaluta, ma anche stimolare ulteriori investimenti e sviluppi nel suo ecosistema.

In sintesi, l’eventuale richiesta di un ETF su Solana da parte di BlackRock potrebbe rappresentare una svolta significativa per il mercato delle criptovalute, sottolineando ancora una volta l’importanza crescente di questo settore nel panorama finanziario globale.

L’ETF Bitcoin di BlackRock supera i 300.000 BTC in AUM

Nel frattempo, l’exchange-traded fund IBIT spot di Bitcoin di BlackRock ha superato quota 300.000 BTC (21 miliardi di dollari) di asset in gestione, cinque mesi dopo l’inizio delle negoziazioni l’11 gennaio.

L’ETF Bitcoin di BlackRock ha ora accumulato 302.534 BTC, secondo la sua pagina dei fondi, con circa 4.920 BTC di afflussi netti ieri che lo hanno portato oltre il traguardo. 

IBIT ha superato GBTC di Grayscale in termini di asset under management (AUM) la scorsa settimana, catturando il prodotto che aveva un vantaggio rispetto agli altri ETF spot su Bitcoin in asset.

GBTC ha originariamente operato come fondo di collocamento privato prima di passare al trading pubblico sul mercato OTC nel 2015 e alla sua conversione finale in ETF a gennaio. 

GBTC addebita una commissione molto più alta rispetto ai suoi concorrenti – l’1,5% rispetto all’attuale commissione dello 0,25% per IBIT di BlackRock. 

Le sue partecipazioni in Bitcoin post-conversione sono diminuite di circa il 54% da circa 619.220 BTC a 285.651 BTC, secondo le divulgazioni del fondo a partire da giovedì.

Tuttavia, dato il concomitante aumento del prezzo di bitcoin dal lancio degli ETF spot, gli asset in gestione di GBTC in dollari USA sono diminuiti meno, scendendo del 30% da un valore di 28,7 miliardi di dollari l’11 gennaio a 20 miliardi di dollari ai prezzi attuali.

Secondo i dati di CoinGlass, gli asset combinati detenuti da tutti gli ETF spot statunitensi su bitcoin sono ora pari a quasi 883.000 BTC (63 miliardi di dollari), ovvero il 4,2% dell’offerta totale di 21 milioni di bitcoin.

Gli ETF Bitcoin USA registrano afflussi record 

Infine, nell’ultima settimana, gli ETF spot statunitensi su Bitcoin hanno raggiunto un record di afflussi netti per 18 giorni consecutivi. 

Aggiungendo così altri 217,7 milioni di dollari ai fondi, durante una settimana che ha visto quasi 1,7 miliardi di dollari di afflussi netti.

L’IBIT di BlackRock ha guidato gli afflussi netti di ieri con 349,9 milioni di dollari, mentre il GBTC di Grayscale ha registrato deflussi netti di 37,6 milioni di dollari. 

Sebbene gli afflussi giornalieri verso gli ETF spot su Bitcoin siano tornati a livelli record questa settimana, il volume rimane significativamente inferiore al picco di 9,9 miliardi di dollari del 12 marzo, generando 1,4 miliardi di dollari di scambi. 

Alessia Pannone
Alessia Pannone
Laureata in scienze della comunicazione e attualmente studentessa del corso di laurea magistrale in editoria e scrittura. Scrittrice di articoli in ottica SEO, con cura per l’indicizzazione nei motori di ricerca, in totale o parziale autonomia.
RELATED ARTICLES

MOST POPULARS

GoldBrick