L’espansione di Lightning Network sta facendo registrare dati molto interessanti: da aprile fino ai primi di novembre il blog Yalls, creato dallo sviluppatore di Lightning Labs Alex Bosworth, ha elaborato circa 20.000 micropagamenti in bitcoin grazie a LN.

Read this article in the English version here.

Leggere un articolo di Yalls costa solamente circa 1 centesimo di dollaro, lasciare un commento su un post costa mezzo centesimo e reagire ad un post con un’emoji costa 10 centesimi (mentre invece pubblicare un articolo è gratuito).

Bosworth ha dichiarato:

“Una cosa bella dei micropagamenti [con LN] è che restituisce l’anonimato al web. Sono davvero un fan dell’idea che la tua identità non debba essere legata a un nome utente e una password”.

Anzi, finora i lettori hanno anche aperto più di 118 nodi Lightning su questa piattaforma, molti dei quali stanno ora facilitando i canali di pagamento.

Una delle particolarità di LN, infatti, è il costo irrisorio delle commissioni sulle transazioni, cosa che rende bitcoin perfetto anche per i micropagamenti. Un tempo si diceva: “chissà quando potremo pagare una tazzina di caffè con bitcoin”? Ecco, ora si può.

Da luglio all’inizio di novembre i contributori di Yalls hanno pubblicato 170 nuovi articoli, mentre i lettori hanno pagato 675 reazioni con emoji e 194 commenti.

I micropagamenti stanno anche aiutando la piattaforma ad evitare traffico proveniente da robot o spam.

Il blog in realtà è nato come hobby, non è un’iniziativa commerciale e non ha un preciso modello di business, e lo stesso Bosworth crede che ci vorranno anni prima che questo tipo di finanziamento possa funzionare anche per i media professionali.

La chiave del successo sta proprio nel non chiedere un abbonamento mensile, ma nel far pagare la lettura di ogni singolo articolo con tariffe bassissime, visto che le transazioni su LN sono immediate ed il loro costo è irrisorio.

Nel frattempo i nodi LN nel mondo oramai sono più di 4.000, mentre i canali hanno superato le 12.000 unità, con la capacità totale della rete che oramai sfiora quasi i 2 milioni di dollari, con una crescita di quasi il 300% negli ultimi 30 giorni.