Tra tutte le quotazioni crypto, EOS continua a dare chiari segnali di debolezza.

Read this article in the English version here.

Nonostante la rete Eos abbia superato 1,7 milioni di transazioni, conquistando il primo posto come blockchain attiva più veloce nella galassia delle criptovalute, gli investitori scontano negativamente la proposta di Starteos, nodo cinese facente parte dei 21 Block Producer, che ha offerto ricompense in cambio di voti.

Questa mossa, infatti, contravviene alla decentralizzazione della rete Eos.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/EOSUSD/

Le quotazioni della crypto Eos, infatti, affondano sotto i 2,50 dollari, livello più basso da novembre 2017, perdita che spinge oltre il 90% il crollo dai massimi di fine aprile, quando il prezzo superò i 23 dollari.

Continua a rimanere precaria la struttura tecnica delle maggiori criptovalute. Ad eccezione di Ripple (XRP) tutte le altre crypto della Top 10 oscillano pericolosamente poco sopra i minimi annuali. Esattamente una settimana fa, tra il 27 e 29 novembre, molte criptovalute avevano aggiornato i minimi dell’ultimo anno.

Comunque, il saldo settimanale rimane positivo anche se mancano le conferme necessarie a sostenere i prezzi sopra i supporti di riferimento.

La capitalizzazione totale torna sotto i 230 miliardi di dollari. Continuano a diminuire anche il numero delle criptovalute quotate da Coinmarketcap, oggi scese a 2066.

Rimane agganciata al 54% la quota di mercato di bitcoin, con Ripple che continua a mantenere la seconda posizione. I volumi in ripresa anche se inferiori alla media dell’ultima settimana.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

La tenuta del valore dei 3900 dollari, dopo la discesa del tardo pomeriggio di ieri, al momento sembra essersi conclusa, ma i segnali di ribasso intra-day non sono sufficienti per far tornare gli acquisti.

Sarebbe importante il consolidamento delle quotazioni oltre i 4000 dollari. Il primo tentativo della scorsa settimana in tal senso non ha avuto successo e pertanto servirebbe ricostruire la struttura tecnica che dovrebbe trovare conferma oltre i 4400 dollari, massimi raggiunti mercoledì scorso.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

Ieri c’è stata una discesa a 108 dollari, ad un passo dai minimi di martedì scorso che segnava i 106 dollari. La struttura tecnica di ETH rimane molto più precaria di quella di bitcoin, sarebbe necessario un consolidamento oltre i 110 dollari.

La settimana scorsa c’è stato un tentativo che ha spinto i prezzi oltre i 124 dollari. Pertanto vedere i prezzi ritornare ai livelli di partenza di martedì scorso non è un buon segnale. Le prossime ore sono importanti per un eventuale ritorno degli acquisti.

 

Previous articleUn report della CFTC per definire gli smart contract cita Buterin
Next articleLe 5 incertezze del mercato delle criptovalute per il 2019
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo