Nel mercato crypto, oggi le prime 10 criptovalute sono tutte in verde, con rialzi in media di 2%. Meglio di tutti fa il prezzo di Ripple (XRP) che mette a segno un rialzo del 10%, riportandosi in 12 ore a ridosso dei 32 centesimi di dollaro.

Read this article in the English version here.

Il prezzo di 33 centesimi rimane un importante livello spartiacque e di resistenza per RIpple.

Grafico Ripple XRP, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/XRPUSD/

I motivi del rialzo del prezzo di Ripple sembrano attribuibili alle news dell’ultima ora che vengono dal Fintech Forum di Parigi. Durante l’acceso dibattito tra gli amministratori delegati di Ripple e Swift, il CEO di Ripple ha paragonato la “battaglia” tra Ripple e Swift – quella per accaparrarsi la fetta di mercato della gestione delle transazioni trasfontaliere –  a quella di Davide contro Golia, dicendo che prevarrà la tecnologia blockchain e quindi Ripple.

Il prezzo di XRP si traina dietro anche un po’ anche tutto il resto del settore. E infatti troviamo che anche bitcoin (BTC) sale a 3500 dollari mentre Ethereum (ETH) cerca di salire sopra i 110 dollari.

Dopo 4 giorni di sofferenza, oggi quindi si rivede la prevalenza di segni verdi: tra le prime 100 crypto a maggiore capitalizzazione, il 75% è in verde.

I Tori e quindi gli acquisti tirano fuori l’orgoglio e, dopo aver toccato i minimi del 2019, tornano a farsi vedere, tanto è che in meno di 24 ore il market cap – dopo aver affondato ieri a ridosso dei 110 miliardi di dollari – oggi recupera oltre 5 miliardi di dollari.

Sul podio tra le più conosciute crypto, oltre al prezzo di Ripple, troviamo anche Vechain, con un rialzo del 3%, e Bitcoin Gold (BTG) con un rialzo superiore al 7%. Tra le migliori performance del giorno anche Zcash, che sale del 2%, e NEM.

Risalta oggi anche il fatto che la dominance di bitcoin (BTC) scende a ridosso del 53%, mentre XRP sale sopra l’11%, a discapito di Ether (ETH).

Grafico Bitcoin, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

Bitcoin risale sopra i 3500 dollari, anche se ancora mancano i volumi a conferma del movimento. Tecnicamente i prezzi stanno testando la trendline dinamica ribassista iniziata a metà di novembre e che al momento individua una tendenza ribassista.

La violazione oltre i 3600 dollari sarà un primo debole segnale positivo che potrebbe riportare fiducia negli operatori.

Da monitorare con attenzione i minimi di ieri notte, quando c’è stato un affondo a ridosso dei 3400 dollari, prezzo minimo del 2019.

Grafico Ethereum, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

La situazione tecnica rimane ancora incerta. Il recupero dei 110 dollari è un segnale che in pochi si aspettavano, attendendosi di più un test dei 100 dollari che invece si è fermato ai 103 dollari.

Sarebbe importante riprendersi la soglia dei 120 dollari e poi spuntare oltre i 130, che sarebbe un primo segnale a portare attenzione.

 

Previous articleBisq delista Grin: un problema tecnico per l’exchange decentralizzato
Next articleEidoo app: rilasciato l’Hybrid Exchange. Tether tra i primi token listati
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo