Buone notizie per tutti coloro che detengono dei token EOS “non registrati”: chi infatti non ha ancora fatto domanda per un account EOS per recuperare i token ERC20 e “trasformarli” in crypto ora può farlo grazie ad un nuovo servizio.

Read this article in the English version here.

Infatti, grazie ai Block Producer EOSAuthority e EOS Argentina, è possibile recuperare gli EOS che erano rimasti in attesa di convalida e quindi in teoria non più recuperabili. Un servizio incredibile per tutti coloro che si trovano in questa situazione.

La procedura è abbastanza semplice: dalla homepage del sito di EOSAuthority basta inserire l’indirizzo Ethereum (con ovviamente la chiave privata dello stesso) che si è utilizzato al lancio di EOS e, dopo una verifica che rimanda a questa pagina, è possibile scegliere un nuovo account che verrà generato tramite il servizio di Metamask che autenticherà il tutto sulla Mainnet di EOS.

Come si evince dall’immagine, anche chi conserva la propria chiave privata su un ledger può utilizzare questa procedura. Poi, tramite un wallet qualsiasi si potrà generare la chiave pubblica necessaria per l’operazione per recuperare i token EOS.

Grazie a questo servizio, oltre 2,000 persone sono riuscite a recuperare i propri token EOS non registrati, come riportato in un tweet di EOSAuthority.