Nelle trading news di oggi è sicuramente da segnalare la performance della crypto Qash che sale del 60% in soli sette giorni: metà della salita è stata messa a segno nelle ultime 24 ore.

Read this article in the English version here.

In generale è colorato di verde il saldo degli ultimi sette giorni per tutte le prime 50 criptovalute più capitalizzate. Per il 90% il rialzo è a doppia cifra

Dopo Qash, segue la crypto EOS con una corsa che sfiora il 40% rivedendo i 4 dollari, livello abbandonato a metà novembre scorso.

Grafico EOS, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/EOSUSD/

La performance di trading di oggi porta EOS a conquistarsi con prepotenza la quarta posizione in classifica per capitalizzazione, seguita da Litecoin (LTC) che sale del 15% dalle quotazioni di venerdì scorso – 15 febbraio – consolidando la quinta posizione a discapito di Bitcoin Cash (BCH).

Dopo la sbornia da shopping dei giorni scorsi, rallentano gli acquisti dimezzando il denaro presente sul book.

L’evidente presa di beneficio non intacca la capitalizzazione totale che si mantiene a ridosso dei 135 miliardi di dollari ed oltre $24 milioni scambiati passati di mano nelle ultime 24 ore. La dominance generale rimane pressoché invariata dai livelli di ieri.

Grafico bitcoin, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin crypto news (BTC)

Continua a farsi sentire la resistenza dinamica in area 4100 dollari. Da tre giorni i prezzi di bitcoin si muovono a contatto con la trendline che, in caso di rottura, fornirebbe il primo segnale rialzista di medio periodo dopo oltre due mesi di congestione.

La struttura rialzista costruita dal minimo di inizio mese non subirà minacce di eventuali ritracciamenti sino area 3800 dollari.

Solamente sotto i 3750 dollari la struttura inizierà ad indebolirsi costringendo a rimandare l’attacco dei massimi del nuovo anno.

Grafico Ethereum, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Trading Ethereum (ETH)

Nonostante le oscillazioni attorno ai 150 dollari degli ultimi quattro giorni, dai volumi scambiati nelle ultime 24 ore emergono importanti manovre da parte degli investitori. Per questo motivo i livelli attuali di Ethereum confermano di essere un importante spartiacque per i prossimi giorni.

Un consolidamento a ridosso dei 150 dollari aumenterà le probabilità per rivedere i massimi di inizio gennaio, oramai ad un passo. Al contrario, un inciampo sotto 130 dollari dovrà far temere un ritorno sotto i $115 nei giorni successivi facendo evaporare le speranze dei Tori tornati nuovamente a farsi rivedere nelle ultime due settimane.

Previous articleTelefonica: una piattaforma blockchain per vendere i dati personali
Next articleSvelate alcune caratteristiche del wallet crypto del Galaxy S10
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo