Tra le migliori performance di prezzo di oggi ci sono Stellar Lumens (XLM), nona criptovaluta in classifica seguita da lontano da Cardano (ADA), che sale del 3%.

Read this article in the English version here.

Il prezzo di Stellar Lumens oggi mette a segno un rialzo del 10% in netta controtendenza rispetto al resto del settore. XLM, infatti, prova a reagire ai ribassi degli ultimi giorni e delle ultime settimane.

Grafico Stellar, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/XLMUSD/

Il forte rialzo del prezzo di oggi permette a Stellar Lumens di entrare tra le prime tre crypto con una migliore performance settimanale a partire da lunedì scorso, preceduta da Binance Coin (BNB) e seguita a poca distanza da Litecoin (LTC). Litecoin cerca di consolidare i propri livelli a 55$.

Fonte: COIN360.com

Tra le peggiori oggi è la giornata di Qash (QASH). All’86° posizione su Coinmarketcap ha una capitalizzazione di poco sopra i 47 milioni di dollari, oggi scende con un ribasso del 18%.

La capitalizzazione rimane oltre i 132 mld di dollari con il bitcoin che cerca di ritornare ad aggrapparsi al 52% di dominance.

Grafico bitcoin, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

Oggi il prezzo di bitcoin fatica a salire oltre i 4.000 dollari, resistenza che dimostra una mancanza di acquisti necessari per spingere i prezzi oltre questa soglia. Trovandosi sempre più nella parte finale del ciclo bimestrale iniziato nei primi di febbraio, il tempo non è più a favore del rialzo a meno di estensioni rialziste oltre i 4.050 dollari e spinte successive in area di resistenza fissata a 4.200$.

La trendline rialzista iniziata dal minimo di febbraio è oramai un livello dinamico prossimo alla rottura. Nulla di preoccupante se i prezzi che riusciranno a mantenersi oltre i 3.600 dollari. Sotto questa soglia molto probabilmente tornerà la speculazione ribassista.

Grafico Ethereum, fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

Ethereum sembra oramai più portata a fare i conti con i supporti anziché con le resistenze. La soglia dei 140$ che ha attratto per tutta la scorsa settimana non è stata un livello di congestione. Anzi, alle condizioni attuali sembra che i prezzi vogliano più andare a testare area 120$.

È necessario nei prossimi giorni non spingersi sotto i 115$, soglia che se violata al ribasso aprirebbe la strada per andare a testare nuovamente i minimi di inizio febbraio, precisamente l’area tecnica e psicologia dei 100 dollari.

Previous articleBancor: un unico wallet per EOS e Ethereum
Next articleLa blockchain di ICON supporta security token
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo