La migliore crypto di oggi è Cardano (ADA) il cui valore sale del 4%. Nelle ultime 48 ore la crypto sta beneficiando dell’aggiornamento della mainnet e dell’ulteriore messa in sicurezza del proprio wallet per far fronte agli attacchi phishing.

Read this article in the English version here.

Grafico Cardano by Tradingview

Cardano con l’allungo di oggi arriva ad intaccare la 10° posizione tenuta da Tron, con una differenza di capitalizzazione totale che ora è di “soli” 300 milioni di dollari. Tra le migliori di oggi, insieme a Cardano, svettano anche IOTA e Bitcoin Cash (BCH) il cui valore sale del 4%.

Tra le peggiori delle top 20 c’è Stellar Lumens che perde il 3%. Anche Ontology (ONT) che ieri era la migliore, oggi scende del 7%.

Fonte: COIN360.com

Il contesto continua a dare conferme di consolidamento, anche sulla base del market cap che torna a salire oltre i 140 miliardi di dollari.

La giornata registra una diminuzione del volume di scambi. La dominance di bitcoin continua ad oscillare ai livelli più bassi dallo scorso agosto, e questo è un segnale che conferma come nelle ultimi due settimane stiano risaltando in particolare modo le altcoin, che passandosi il testimone stanno sostenendo un recupero deciso da parte dei mercato.

Alcune crypto si stanno lasciando alle spalle il periodo negativo partito da metà dicembre e inizio di febbraio, in ottica di medio periodo è un segnale decisamente positivo.

Il giudice è il mercato e la sentenza arriverà nelle prossime settimane.

Grafico bitcoin by Tradingview

Valore Bitcoin (BTC)

Bitcoin, dopo aver provato a spingersi oltre la soglia dei 4.200 dollari in queste ore, torna a testare la soglia del supporto dinamico dei 4.000 dollari, che ora diventa importante nel corso del fine settimana.

Nelle prossime ore sarà opportuno seguire la tenuta o meno di questo livello.

In caso di tenuta aumenterebbe la probabilità di ulteriori rialzi nei prossimi giorni.

Al contrario uno scivolamento sotto quota 4.000 porterebbe a seguire la tenuta del successivo supporto di breve-medio periodo di 3850-3750 dollari.

Ogni movimento al ribasso sopra questi livelli di supporto non inciderebbe sulla struttura rialzista messa in atto da inizio febbraio

Per bitcoin è importante mantenere la dominance oltre il 50% oltre al consolidamento dei livelli di supporto che nelle ultime settimane sono stati oggetto di indagine di analisi tecnica.

Grafico Ethereum by Tradingview

Valore Ethereum (ETH)

La situazione di Ethereum rimane pressoché invariata. Nonostante la rottura della trendline dinamica iniziata con il minimo di febbraio, importante per Ethereum è osservare con attenzione dove i prezzi usciranno dalla congestione che caratterizza il movimento da inizio febbraio, un movimento che sta tenendo i prezzi da 132 a 142 dollari, un’area di 10 dollari con microscopici swing poco utili sotto l’aspetto tecnico per individuare le aree critiche.

Con il passare del tempo sarà sempre maggiore l’attenzione verso una rottura di un canale laterale al rialzo oltre i 145 dollari con prezzi pronti ad andare almeno a 155 dollari o oltre.

Se ci fosse un ribasso oltre i 130 dollari, i prezzi con molta probabilità arriverebbero a 125 dollari, soglia importante da seguire, penultimo baluardo prima del supporto dei 115 dollari.

La mancata tenuta di questi ultimi due livelli di supporto aprirebbe una fase correttiva che inizierebbe a preoccupare con estensioni che potrebbero essere assorbite senza particolari gravità fino ad area 100 dollari.

Ascolta qui il podcast di Federico Izzi in collaborazione con Fintech24:

Previous articleUSD Coin (USDC) lancia nuove applicazioni
Next articleStellar: transazione record da 1 miliardo di XLM
Federico Izzi
Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo