Bottos fa il botto
Bottos fa il botto
Blockchain

Bottos fa il botto

By Fabio Lugano - 2 Mag 2018

Chevron down

Omen nomen, si potrebbe dire con una facile battuta.

Bottos (BTO) fa il botto.

E’ un progetto per la creazione di un data market a disposizione dell’Intelligenza Artificiale, specialmente rivolta verso la robotica, tanto da definirsi il “Robot Operation System”, compresa la costruzione di robot ed esoscheletri aventi come base il proprio sistema di dati.

Oggi Bottos ha avuto un ottimo sviluppo di mercato (dati Coinmarketcap ore 8.35 CET):

Bottos fa il botto

In questo momento la crescita è di oltre il 30% nelle quotazioni, con una capitalizzazione che ha raggiunto i 176 milioni di dollari.

La causa di questa crescita è la conclusione di un accordo con un altro team, quello di High Performace Blockchain, (HPB), progetto con una capitalizzazione di oltre 100 milioni di dollari, che vuole costruire una blockchain ad alte prestazioni unendo elementi di software con elementi hardware, specificamente un chip di accelerazione delle prestazioni.

L’obiettivo è la costruzione di una piattaforma molto resistente per l’intelligenza artificiale.

Si tratta, non casualmente, di due team di origine cinese, con una collaborazione sviluppata già da tempo.

L’elemento velocità è di grande importanza nel campo dell’intelligenza artificiale e della robotica, in quanto elemento critico nell’efficienza dei robot.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.