Luci e ombre delle token sale. L’analisi di ICORating
Altcoin

Luci e ombre delle token sale. L’analisi di ICORating

By Fabio Lugano - 19 Mag 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

ICORating, società dedita alla valutazione delle token sale, ha stilato un ICO Report che analizza quelle lanciate nel primo trimestre del 2018.

Se i dati dal punto di vista finanziario appaiono esaltanti, non si può dire altrettanto dal punto di vista organizzativo delle ICO che spesso mancano di un vero modello di business.

Secondo questo ICO Report sono stati raccolti ben 3,314 milioni di dollari da 412 progetti giunti a compimento, a confronto dei 3,148 raccolti nell’ultimo trimestre 2017, confermando che il 2018 è l’anno delle ICO.

L’ICO Report esclude Telegram

In questo numero non è stato però considerato TON, la ICO di Telegram che si è fermata dopo un presale che ha raccolto 1,7 miliardi di dollari.

In realtà, il settore presenta un’altissima frammentazione: solo il 50% dei progetti ha avuto una raccolta superiore ai 100mila dollari, mostrando la fase ancora pionieristica di questo strumento di finanziamento.

Molto spesso i progetti vengono da imprenditori alle prime armi: solo il 9% delle ICO deriva da aziende già esistenti, mentre per il 46,6% dei progetti non aveva avuto sviluppi prima della ICO.

Questo si può anche riscontrare facilmente nel grafico relativo ai progetti di successo:

ico report

Secondo questo ICO Report, esiste una vera e propria dicotomia fra le token sale: al fianco di una miriade di micro-iniziative da poche decine di migliaia di dollari, sono nati anche dei veri e propri colossi della raccolta: Bankera, Envion e Zeepin tra i capofila.

Comunque, il mercato sta diventando più complesso e maturo e il tempo medio di raccolta di una ICO è arrivato a due mesi nel 2018, mentre a metà del 2017 si parlava di pochi minuti.

Questo significa che gli investitori si stanno facendo molto più attenti e l’attività di marketing è sempre più necessaria.

ico report

Il settore in cui le ICO sono più attive è il settore finanziario, seguito dai wallet e dalle infrastrutture blockchain.

La regolamentazione delle ICO

Solo il 25% delle ICO sono a capo di entità regolarmente registrate, mentre il 40% non ha neppure svelato l’identità del proprio CEO e il 9% ha addirittura chiuso appena finito al ICO stessa, rivelandosi dei veri e propri scam, cioè delle truffe.

Inoltre, dal punto di vista economico, si osserva un autentico massacro: il valore medio dei token dopo il lancio è del 49,32% del valore di vendita indicato.

Solo 17 token hanno superato il prezzo di partenza proposta dagli ideatori della ICO.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.