Litecoin è resistente agli attacchi. Parola di Charlie Lee
Litecoin è resistente agli attacchi. Parola di Charlie Lee
Blockchain

Litecoin è resistente agli attacchi. Parola di Charlie Lee

By Marco Cavicchioli - 30 Mag 2018

Chevron down
Ascolta qui
download

Read the article in English version here.

Charlie Lee, il fondatore di Litecoin, ha pubblicato un tweet per far sapere che la sua creatura è resistente agli attacchi 51%.

Ultimamente, infatti, si sono verificati diversi attacchi del genere, ad esempio su Verge o Bitcoin Gold, che hanno consentito agli attaccanti di rubare discrete quantità di token.

Nel tweet Lee pubblica alcuni dati e immagini che dimostrano come Litecoin abbia una struttura più solida delle altre blockchain e che gli consente di mettersi al riparo da questo tipo di attacchi, come del resto vale anche per Bitcoin.

In particolare, Lee fa notare che:

  • Le mining pool sono ben distribuite, con il più grande che possiede solo il 22% dell’haspower
  • L’Hashrate è aumentato di 50 volte durante nell’ultimo anno
  • I costi per sferrare un eventuale l’attacco sarebbero molto elevati, tra i 322 ed i 761 milioni di dollari.

Questo significa che è estremamente difficile che Litecoin possa subire un attacco del 51%.

Bitcoin in teoria è quasi più facile da attaccare rispetto a Litecoin: basti pensare che le due principali mining pool di Bitcoin, BTC.com e AntPool, controllate entrambi da Bitmain, insieme possiedono oltre il 40% dell’haspower.

Resta però da capire quale possa essere il motivo per cui Lee si è sentito in dovere di pubblicare questo tweet.

Probabilmente potrebbe aver voluto ribadire la differenza tra Litecoin e le altre valute che invece soffrono di questo tipo di problema. Questa potrebbe essere la motivazione, visto che in un altro tweet ha fatto notare che su crypto51.app viene mostrato quanto per molte altre criptovalute sia relativamente facile effettuare questo tipo di attacco.

Per alcune monete si può addirittura affittare su NiceHash il 100% dell’hashrate, riducendo enormemente i costi di un attacco.

Ad esempio, in questo momento, sempre secondo Crypto51, Bytecoin può essere attaccato in questo modo con soli 981 dollari.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.