I bug di EOS e ICON bloccano le transazioni
I bug di EOS e ICON bloccano le transazioni
Blockchain

I bug di EOS e ICON bloccano le transazioni

By Fabio Lugano - 17 Giu 2018

Chevron down

I bug sono sempre dietro l’angolo e possono bloccare le transazioni di una criptovaluta o, come successo nel caso Parity Wallet, perfino congelarla. Ma è raro che due criptovalute con  capitalizzazioni rilevanti vengo ad avere gli stessi problemi lo stesso giorno.

Il bug di EOS

Iniziamo con EOS. Come reso noto dalla stessa autorità produttrice dei blocchi un grave bug di programmazione ha programmazione ha bloccato tutte le transazioni:

Il problema non era di semplice soluzione,  essendo un bug insito nella programmazione, nel caso specifico legato alla programmazione delle transazioni differite.

Dopo il blocco globale, il team deve aver lavorato in modo febbrile perchè in 3 ore è stato emesso un aggiornamento per i nodi, “Nodeos”, il 1.0.5 e hanno annunciato che tutto era tornato alla normalità e che era stato generato il primo nuovo blocco.

Ricordiamo che EOS ha appena lanciato la sua mainnet e che attualmente capitalizza 9,5 miliardi di dollari.

Il bug di ICON

Un problema simile ha colpito nello stesso giorno ICON: il bug ha colpito lo smart contract che dovrebbe garantire la possibilità di prelevare i token dai wallet. Questo il problema messo in luce dal programmatore:

Il valore “!=” avrebbe dovuto essere scritto come “!==”, perchè, nel primo caso, il significato è non “uguale”, ma “diverso”, per cui impediva l’identificazione del wallet da cui effettuare il prelievo.

Un errore banale ma che rischiava di mettere fuori gioco un token che capitalizza quasi 800 milioni e che ha portato all’interruzione temporanea della conversione dei token ETH in ICX.

Anche in questo caso il team si è messo subito al lavoro e, come spiegato in un comunicato stampa, è stata messa in atto una correzione temporanea in breve tempo, anche se in futuro sarà necessario un aggiornamento più profondo.

Un bug del genere è molto pericoloso per ICON perchè questo token vuole porsi come ponte fra diverse blockchain, e l’impossibilità di prelievo bloccava la sua principale funzionalità.

I prezzi di entrambe i token hanno risentito del problema, anche se solo in modo temporaneo.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.