Dissensi alla SEC, un tweet dice sì all’ETF dei Winklevoss
Dissensi alla SEC, un tweet dice sì all’ETF dei Winklevoss
Bitcoin

Dissensi alla SEC, un tweet dice sì all’ETF dei Winklevoss

By Marco Cavicchioli - 27 Lug 2018

Chevron down

Read this article in the English version here.

Hester Peirce, commissaria della SEC, dopo la bocciatura degli ETF bitcoin sul Bats BZX exchange proposti dai fratelli Winklevoss ha pubblicato un tweet non in linea con la decisione dell’autorità americana di cui fa lei stessa parte.

Nel tweet Pierce dichiara pubblicamente il suo dissenso in merito alla decisione della SEC, affermando che non è d’accordo sul fatto che bitcoin sia stato definito “non abbastanza maturo, rispettabile e regolato per essere degno dei nostri mercati”.  

Il tweet contiene anche un link ad una pagina ufficiale del sito della SEC in cui sono state pubblicate le ragioni del suo dissenso.

In questo documento Peirce afferma che, pur rispettando la decisione della Commissione di rigettare la proposta dei Winklevoss, ritiene che “la modifica della norma proposta soddisfi lo standard di legge e che dovremmo consentire a BZX di elencare e negoziare questo prodotto negoziato in borsa basato su bitcoin (ETP)”.

A questo Peirce ha anche aggiunto che l’approccio della SEC sta mettendo a repentaglio la sicurezza degli investitori, impedendo una maggiore istituzionalizzazione del mercato bitcoin.

Secondo la Peirce una maggiore partecipazione istituzionale potrebbe limitare molte delle preoccupazioni della Commissione nei confronti del mercato bitcoin, spingendosi ad affermare che questa decisione “invia un forte segnale del fatto che l’innovazione non è gradita nei nostri mercati, un segnale che può avere effetti ben oltre il destino degli ETP bitcoin”.

In altre parole, è come se Pierce stesse chiedendo alla SEC di prendersi le proprie responsabilità e di aprirsi verso questo settore, proprio per proteggere gli investitori, sostenendo che questi ETF non violino alcuna norma e che i dubbi a riguardo non sono fondati. Insomma, la decisione contraria della SEC sarebbe stata fatta per una scelta politica e non tecnica.

Un intervento diretto della SEC potrebbe consentire di regolamentare questo mercato, proteggendo gli investitori.

Anzi, consentendo l’ingresso di investitori istituzionali il mercato bitcoin potrebbe evolvere e risolvere in modo naturale alcune delle preoccupazioni attuali come, per esempio, la volatilità.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.