Cripto trading: BitGo fa da battistrada nel periodo più delicato dell’anno
Cripto trading: BitGo fa da battistrada nel periodo più delicato dell’anno
Trading

Cripto trading: BitGo fa da battistrada nel periodo più delicato dell’anno

By Federico Izzi - 18 Set 2018

Chevron down

Scorrendo la lista delle prime 100 capitalizzate sono solamente tre i token in territorio positivo, oltretutto sconosciuti alla maggior parte dei fan del settore.

Read this article in the English version here.

Bisogna scorrere fino alla 74a posizione per trovare QASH in salita del 5% dai livelli di ieri mattina, seguito da CyberMiles (CMT) all’84smo posto che mette a segno il miglior rialzo delle ultime 24 ore correndo oltre il 7%.

Per ultima troviamo Theta Token (THETA), 87a in classifica con il 2% di rialzo. Tra le prime 10 sono EOS e Litecoin (LTC) a segnare maggiore debolezza, entrambe in discesa di oltre il 9%.

La capitalizzazione totale rivede la soglia dei $190 miliardi, livello violato per qualche ora la scorsa settimana, affondando ai valori più bassi dallo scorso novembre.

La capitalizzazione di Bitcoin continua a rimanere sopra il 56%, così come Ethereum, poco sopra il 10%, dopo essere rimasto in apnea per due giorni sotto questo livello.

Cresce sempre più la volontà di adozione crypto da parte delle principali istituzioni finanziarie Oltreoceano. Nel corso dell’estate sono emerse numerose notizie di alcuni leader finanziari mondiali a stelle e strisce (Citigroup, Morgan Stanley, Goldman Sachs, Gemini, Bakkt), tutte interessate a mettere le mani su vari prodotti del settore.

L’azienda BitGo, specializzata in sicurezza informatica, ha ufficializzato di aver ricevuto, lo scorso giovedì, l’approvazione ad offrire servizi di custodia in criptovaluta da parte della South Dakota Division of Banking.

Dopo mesi di dibattito e rifiuti di diverse domande di emissione ETF da parte della SEC statunitense, principalmente motivate dalla mancanza di sicurezza di un settore soggetto ad attacchi informatici, si scrive una pagina importante nella storia dell’adozione della criptovaluta.

BitGo diventa il primo, ed attualmente unico, depositario di criptovaluta ad essere autorizzato sul territorio statunitense. Il CEO della società, Mike Belshe, ha dichiarato: “In un ambiente attualmente infido ed instabile, questo è il pezzo che mancava all’infrastruttura. Con l’avanzare della domanda istituzionale stanno emergendo moltissime opportunità per le tradizionali aziende di entrare nell’ecosistema. Tra le principali ci sono i servizi di custodia, seguiti dalla gestione patrimoniale e dalla intermediazione”.

Siamo oramai entrati nella nuova era di creazione di un nuovo sistema finanziario. Le istituzioni finanziarie non possono permettersi di rimanere a guardare, molte ci stanno già mettendo le mani.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/BTCUSD/

Bitcoin (BTC)

Il rimbalzo dei prezzi, coinciso con l’ipotesi di inizio attuale ciclo mensile dal minimo del 9 settembre, non sembra avere forza sufficiente a spingere i corsi sopra i 6500 dollari, livello più volte testato la scorsa settimana che ha visto ogni volta prevalere le vendite.

Il movimento al ribasso di ieri pomeriggio ha riportato i prezzi a testare il supporto dei 6200 dollari, primo baluardo di breve a difesa dei 6000 dollari. Difficile parlare di speculazione con prezzi che, nonostante alcuni repentini movimenti, rimangono sopra i supporti di lungo periodo.

Gli operatori temono di essere i primi a fare la mossa sbagliata. Se i dati restituiscono prevalenza di posizioni al ribasso sui mercati spot, il sentiment degli operatori rimane a ridosso dei massimi raggiunti da inizio agosto.

Fonte: https://it.tradingview.com/symbols/ETHUSD/

Ethereum (ETH)

Volatilità padrona su Ethereum. In poche ore i prezzi ritracciano di oltre il 15%, riportandosi sotto la quota psicologica dei 200 dollari, annullando circa la metà della corsa che ha fatto salire i prezzi di oltre il 30% con un passo giornaliero a doppia cifra per tre giorni consecutivi. I prossimi giorni della settimana forniranno risposte tecniche più precise.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.