Beppe Grillo, “le criptovalute non possono essere fermate”
Beppe Grillo, “le criptovalute non possono essere fermate”
Blockchain

Beppe Grillo, “le criptovalute non possono essere fermate”

By Marco Cavicchioli - 22 Ott 2018

Chevron down

Qualche giorno fa è stato pubblicato sul blog ufficiale di Beppe Grillo un post dedicato al centro commerciale BTC City di Lubiana, in Slovenia.

Read this article in the English version here.

Questo centro commericale è stato inaugurato negli anni ’90. BTC, infatti, non sta per bitcoin ma per “blagovno transporti center”. Negli anni poi – forse anche proprio grazie al nome – si è avvicinato ai pagamenti crypto, tanto che ora tutti i negozi del centro accettano bitcoin grazie all’app Elipay.

Nel post, il noto comico, co-fondatore del Movimento 5 Stelle, non si limita a parlare del centro commerciale sloveno che accetta criptovalute come mezzo di pagamento, ma scrive anche che “il boom della criptovaluta, che continua a guadagnare slancio senza una minima possibilità di fermarsi, è collegato non solo a quelle tecnologie innovative che rivoluzionano numerose aree della vita delle persone ma anche a nuove comunità e filosofie di vita, che sono già parte della nostra esistenza”.

A tal proposito, Grillo spiega che molte persone che frequentano il settore crypto sperano che la blockchain arrivi ad influenzare tutti gli aspetti della propria vita, ma che oggi la maggior parte dei negozi tradizionali non accetta criptovalute come mezzo di pagamento.

Tuttavia, in Slovenia le cose sembra stiano andando in modo differente. Infatti, soprattutto grazie al mining, le criptovalute stanno iniziando a girare.

A parte il piccolo refuso (“etere”, al posto di ether), e la definizione scorretta di “Bitcoin City”, l’articolo racconta una storia che è oramai una realtà consolidata, in un Paese che sta abbracciando la tecnologia senza complessi di inferiorità.

La piccola Slovenia, infatti, è oramai già da qualche mese crypto-friendly, a differenza di altri Paesi europei anche più avanzati: la zona attorno alla capitale di Lubiana è stata definita la Silicon Valley d’Europa.

In Slovenia il costo della vita è particolarmente basso e il costo dell’energia elettrica è economico.

Queste due caratteristiche, unite al fatto che buona parte della popolazione capisce l’inglese, ne fa un luogo interessante in cui installare, ad esempio, una mining farm. Inoltre, è ben collegata al resto dell’Europa, vicina a Italia, Austria e Ungheria.

Il caso sloveno pertanto potrebbe anche apparire come un paradigma di ciò che potrebbe accadere anche in altri Paesi europei se, come dice Beppe Grillo, “il boom delle criptovalute non è destinato a fermarsi”.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.