Dopo il record di 1 milione di transazioni in un solo giorno, Tron fa registrare nuovi record. Infatti, le dApp che girano sulla blockchain di Tron hanno superato quelle che girano su quella di Ethereum per numero di utenti, numero di transazioni e volume del transato.

Read this article in the English version here.

Pertanto ad oggi possiamo affermare che la piattaforma dApp di Tron è la più popolare al mondo.

dapp tron blockchain ethereum

I dati sono pubblicati da DappRadar, dove si può notare che a farla da padrone sono le dApp di giochi e scommesse. Infatti, proprio grazie a queste, la piattaforma di Tron è riuscita ad attrarre una solida base di utenti, superando anche la ben più conosciuta piattaforma di Ethereum.

Ad esempio, in questo momento risultano più di 3.000 utilizzatori nelle ultime 4 ore per TRONDice, mentre la dApp più usata di Ethereum, 333ETH si ferma a 1.170.

Per quanto riguarda i volumi degli ultimi 7 giorni TRONbet, con oltre 27 milioni di dollari, supera IDEX che si ferma a 2 milioni e mezzo. Va ricordato che la dApp IDEX è un exchange basato su Ethereum, mentre TRONbet è una dApp di scommesse.

La lista delle prime 15 dApp di Tron mostra che ben 11 di queste sono legate al gioco d’azzardo. La seconda categoria più popolare è quella dei giochi, con però solo tre dApp.

Uno dei limiti di Ethereum potrebbe proprio essere la scalabilità, ovvero la capacità di gestire un sensibile incremento del numero delle transazioni. Per ora Tron sembra essere in grado di risolvere questo problema meglio di Ethereum, ed i dati di cui sopra sembrano corroborare questa ipotesi. Insomma, da questo punto di vista le prestazioni della piattaforma Tron sembrano decisamente superiori rispetto a quelle di Ethereum.

Come già riferito da Federico Izzi, il numero sempre crescente di dApp sulla blockchain di Tron ha spinto a far crescere i volumi di transazione giornaliera di oltre 100 milioni di TRX sullo scambio decentralizzato ufficiale di Tron. Inoltre, la capitalizzazione totale recupera oltre il 20% passando da 117 miliardi di dollari, toccati domenica pomeriggio, agli attuali 140 miliardi di dollari.