LiquidApps: Vram una nuova opportunità per la blockchain di EOS
Blockchain

LiquidApps: Vram una nuova opportunità per la blockchain di EOS

By Alfredo de Candia - 5 Feb 2019

Chevron down

LiquidAPPS ha sviluppato un codice dedicato per risolvere il problema della scalabilità della blockchain di EOS che si può implementare nel codice di ogni dApp, ovvero la vRAM.

Read this article in the English version here.

In pratica, grazie alla soluzione vRAM di LiquidApps gli sviluppatori blockchain potranno usare un servizio che fornisce l’utilizzo di IPFS (InterPlanetary File System, un metodo peer-to-peer per immagazzinare dati) alleggerendo lo spazio della RAM e sfruttarla solo per accedere a quei dati che in quel momento vengono richiesti.

Questo progetto sarà attivato questo mese (febbraio 2019) e potrà essere utilizzato da chiunque per poter velocizzare ulteriormente le operazioni, diventando una parte fondamentale di ogni dApp basata sulla blockchain di EOS.

EOS e scalabilità

La scalabilità è un problema che affligge tutte le crypto ed è un limite per l’adozione di massa.

Se consideriamo le 3 operazioni al secondo che riesce a fare Bitcoin e le quasi 30 di Ethereum e le confrontiamo con le quasi 1,000 operazioni di EOS oppure le oltre 2,000 operazioni di Tron e, se le paragoniamo il tutto al sistema di pagamenti VISA da ben 24,000 operazioni al secondo, possiamo capire quanto sia importante quel parametro.

EOS è abbastanza veloce rispetto alla maggior parte delle crypto anche perché l’assenza di fee permette di fare molte operazioni a costo zero, anche se ovviamente per poter sostenere un numero elevato di transazioni vengono utilizzate le risorse in stake dell’account ossia CPU, RAM e NET, di solito la RAM.

Questo vuol dire che la blockchain di EOS non viene utilizzata nella sua accezione volatile di accesso ai dati ma come se fosse un vero e proprio hard disk dove salvare diversi dati legati all’account.

Per un utente normale non ci sono molte difficoltà sotto questo aspetto, invece per i programmatori e per la creazione di smart contract questo crea problemi perché la Dapp deve contenere parecchie informazioni e quindi l’unico modo per farlo è salvarle sulla RAM che costa 55 e i 65 EOS per MB.

Insomma, la soluzione di LiquidAPPS per risolvere il problema della scalabilità potrebbe far diventare EOS la blockchain più veloce del mondo.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.