Hong Kong vieta le Security Token Offering (STO)
Regolamentazione

Hong Kong vieta le Security Token Offering (STO)

By Alfredo de Candia - 1 Apr 2019

Chevron down

La SFC (Securities and Futures Commission) di Hong Kong ha ribadito attraverso un recente comunicato stampa che le STO (Security Token Offering) sono trattate come security e che, di conseguenza, devono essere regolate secondo quanto disposto dalle norme in vigore.

Read this article in the English version here.

Le STO fanno riferimento ad offerte che riguardano dei beni tradizionali (oro, immobili, diritti economici – azioni) e i Security Token tramite esse emesse rappresentano la proprietà dell’asset in forma digitale.

Secondo molti Paesi tra cui la Cina, i Security Token sono considerati a tutti gli effetti dei titoli azionari, salvo eccezioni, e qualsiasi persona che venda o distribuisca Security Token in Hong Kong o che riguarda un investitore di Hong Kong ha bisogno di una licenza o di una registrazione di Tipo 1 presso la SFO (Securities and Futures Ordinance).

Inoltre, si chiarisce nel comunicato, sarà considerata azione criminale qualsiasi attività riguardo i Security Token svolta senza la necessaria licenza.

Come si spiega nel comunicato, infatti:

Inoltre, nel comunicato cinese, si legge anche un avvertimento rivolto agli investitori sui potenziali rischi che riguardano gli asset virtuali in merito alla volatilità, poca trasparenza, tentativi di hacking e frode, rischi che sono anche applicabili alle Security Token Offering.

Security Token e regolamentazione

Il dibattito sulle STO e sulla loro regolamentazione è ancora aperto perché, se da un lato una regolamentazione chiara ed efficace potrebbe aiutare a proteggere gli investitori da potenziali perdite, dall’altro lato una regolamentazione stringente potrebbe indurre le varie aziende a trovare mercati più favorevoli, lasciando il Paese impoverito sotto quell’aspetto.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.