banner
Si parla di Bitcoin già dal 1950
Si parla di Bitcoin già dal 1950
Bitcoin

Si parla di Bitcoin già dal 1950

By Fabio Lugano - 8 Apr 2019

Chevron down

E se Satoshi Nakamoto non fosse stato il primo ad utilizzare il termine “Bitcoin”? Pare che infatti che nel 1950 si fosse già usata la parola Bitcoin, anche se ovviamente con un’accezione diversa.

Read this article in the English version here.

Nel Marshal News Messenger, giornale texano, del 20 gennaio 1950, compare un articolo dedicato ad un’iniziativa del  eputato statale Potman nella quale compare proprio il termine Bitcoin.

La scoperta è stata fatta da un redditor appassionato di stampa antica che stava esaminando alcuni giornali degli anni cinquanta.

Per spiegarne il significato bisogna fare un excursus storico: il Texas faceva parte, fino alla prima metà dell’ottocento, dell’America latino-ispanica. Successivamente, i legami commerciali con il Messico rimasero stretti.

In area spagnola si utilizzava il dollaro d’argento, detto anche pezzo da otto poiché poteva essere anche fisicamente diviso in otto parti uguali, la minore delle quali era definito dai texani “Bit”.

Dato che un dollaro messicano era ritenuto dello stesso valore di un dollaro d’argento USA, il “Bit” non era che il il 12,5%, un ottavo, del dollaro americano.

Il deputato Portman voleva introdurre una monetazione basata sul “Bit” cioè introdurre il “Bit-Coin”, tra l’altro anche in multipli di due (25 centesimi, un quarto di dollaro), quattro (50 centesimi, mezzo dollaro) e di sei (75 centesimi, tre quarti di dollaro), abbandonando o affiancando la monetazione decimale.

Questo Bitcoin del 1950 non ha quindi nulla a che fare con il Bitcoin di Satoshi Nakamoto, a parte il nome, ma si tratta di una curiosa coincidenza che nasce tutta dal “Bit”, diversamente inteso come pezzo di moneta o come frammento di informazione.

Probabilmente nel Texas del 1950 se qualcuno avesse chiesto 2 Bitcoin avrebbe ricevuto una moneta da 25 centesimi, un valore completamente diverso, ma basato su un antico valore in argento, un po’ come l’attuale Bitcoin spesso viene considerato il valore fondante del sistema delle valute virtuali.

Fabio Lugano
Fabio Lugano

Laureato con lode all'Università Commerciale Bocconi, Fabio è consulente aziendale e degli azionisti danneggiati delle Banche Venete. E' anche autore di Scenari Economici, e conferenziere ed analista di criptovalute dal 2016.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.