Moonlighting: 700.000 account sulla blockchain di EOS
Moonlighting: 700.000 account sulla blockchain di EOS
Blockchain

Moonlighting: 700.000 account sulla blockchain di EOS

By Alfredo de Candia - 12 Apr 2019

Chevron down

Come annunciato in un recente post, Moonlighting, piattaforma per lavoro in outsourcing, si sposterà sulla blockchain di EOS, portando con sé oltre 700.000 account.

Read this article in the English version here.

L’azienda, che possiede una piattaforma dove è possibile cercare e proporre lavori per freelance, è stata lanciata nel 2014 e ha raccolto oltre $ 5 milioni di investimenti da parte del fondo FinLab EOS VC, una joint venture di FinLab AG e Block.one.

Questo investimento permetterà di espandere la piattaforma ed aumentare la base degli utenti grazie anche all’infrastruttura di EOS e alla sua scalabilità.

Abbiamo studiato i protocolli blockchain dalla fine del 2017 e abbiamo scelto EOSIO per la sua capacità di scalare nel processo di transazione, mantenere bassi costi di transazione e la facilità di gestione di un account”.

Inoltre, come ha affermato il CEO, Jeff Tennery, inserire gli account sulla blockchain di EOS permetterà di importarli anche su altre piattaforme in modo veloce e a costi notevolmente ridotti, dato che non ci sono fee su EOS. E sarà l’utente stesso a gestire come il suo account verrà usato dall’azienda, visto che Moonlighting ha anche in mente di sperimentare una tecnologia per autenticare le certificazioni degli utenti su blockchain.

“Abbiamo deciso che vogliamo che i nostri utenti siano capaci di portare il loro profilo su ogni piattaforma e di fornire loro un modo semplice per usare il loro profilo Moonlighting ovunque vogliano usarlo”, ha spiegato Tennery. “La gig economy è così frammentata, e il nostro piano è di permettere ai freelancer di controllare l’uso del loro profilo e di fornire un singolo sign-on”.

Per ovvie ragioni di privacy, non tutti i dati potranno essere salvati sulla blockchain, almeno per il momento, ma si inizierà a mettere al sicuro, tramite hash, i dati che sono ancora decriptati nei database centralizzati dell’azienda.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.