banner
Brave Browser: attivo il servizio di reward per gli utenti
Brave Browser: attivo il servizio di reward per gli utenti
Criptovalute

Brave Browser: attivo il servizio di reward per gli utenti

By Emanuele Pagliari - 25 Apr 2019

Chevron down

Nella giornata di ieri il team di Brave, ha ufficializzato l’attivazione del servizio di reward per i propri utenti. Gli utilizzatori del browser Brave, dunque, potranno ricevere compensi in token BAT visualizzando gli ADS targetizzati proposti dai vari publisher.
Tale feature era stata ampiamente pubblicizzata durante le prime fasi del progetto.

Tuttavia, come spiegato dai developer del team di Brave, erano necessari un certo numero di utenti e publisher per poter attivare il servizio.

Ebbene, visto il recente annuncio, pare che finalmente sia stato raggiunto il bacino d’utenza ideale per avviare il programma di reward per gli utenti. Ecco dunque come partecipare al Brave reward e guadagnare token BAT.

Brave Browser attiva il servizio di reward: come guadagnare token BAT

Per aderire al servizio di reward basterà, una volta scaricato ed installato Brave Browser dalla pagina ufficiale, spuntare l’apposita opzione nella User Interface del browser.

Brave Reward BAT

Dopo di che, se il browser è appena stato installato, verrà creato un wallet. Sarà proprio su questo wallet che andrete a riceverete i futuri introiti. Attualmente il sistema è stato attivato solo in alcuni Stati. Per il momento l’Italia pare esclusa, ma potrebbe essere questione di poche settimane per assistere al debutto anche sul suolo italiano.

Brave Reward BAT

Al momento, Brave ha comunicato alcune delle aziende aderenti all’iniziativa: Vice, Home Chef, ConsenSys, Ternio BlockCard, MyCrypto, eToro, BuySellAds, TAP Network, The Giving Block, AirSwap, Fluidity and Uphold. Inoltre, Brave ha confermato di avere già 55,000 publisher verificati.

Al momento non è chiara l’entità degli introiti che gli utenti possono generare sfruttando la piattaforma di BAT. L’azienda afferma che il 70% dei fondi investiti in ADS verrà ridistribuito agli utenti.

Naturalmente tale sistema necessità ancora di molto tempo per prendere effettivamente piede. Tuttavia i successi ed il bacino d’utenza acquisito in questi mesi lasciano presagire un futuro abbastanza roseo per questa nuova tipologia di advertising mirato.

Emanuele Pagliari
Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La sua avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org e GizBlog.it. Emanuele è nel mondo delle criptovalute come miner dal 2013 ed ad oggi segue gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApp, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.