Walmart entra in MediLedger: il consorzio farmaceutico blockchain based
Blockchain

Walmart entra in MediLedger: il consorzio farmaceutico blockchain based

By Stefano Cavalli - 3 Giu 2019

Chevron down

Walmart, il colosso statunitense che si occupa della grande distribuzione, si è unito a MediLedger, un consorzio che ha sviluppato una blockchain per tracciare la provenienza dei prodotti farmaceutici.

Read this article in the English version here.

Una portavoce della società di Bentonville, in Arkansas, ha confermato questa notizia ma non ha voluto rilasciare ulteriori commenti.

Prima con IBM per il food tracking, ora con MediLedger per il farmaceutico.

Questa mossa strategica rappresenta un ulteriore coinvolgimento di Walmart con la tecnologia blockchain. In precedenza, la multinazionale americana aveva già fatto parlare di sé attraverso l’accordo con IBM denominato Food Trust: un sistema capace di tracciare i prodotti venduti all’interno dei negozi attraverso la piattaforma Hyperledger Fabric.

Walmart ha insistito molto sul far sì che i suoi fornitori integrassero il tool di IBM e ciò dovrebbe essere realizzato anche per quanto riguarda MediLedger, in cui vi sono già prodotti tracciati come Pfizer e di cui ne fanno già parte tre grandi colossi farmaceutici: McKesson, AmerisourceBergen e Cardinal Health.

Health and Welness, la categoria di farmaci venduti all’interno dei negozi Walmart, rappresenta già un fatturato di 35 miliardi di dollari nell’anno fiscale concluso il 31 gennaio, pari a circa il 10% del totale, secondo il report annuale dell’azienda.

MediLedger: niente hyperledger fabric

A differenza di Food Trust, MediLedger sfrutta una versione della blockchain di Ethereum, sviluppata attraverso la modifica del client Parity e grazie a un meccanismo di consenso chiamato Proof of Authority. Il consorzio è guidato dalla società Chronicled con sede a San Francisco, che ha ricevuto un finanziamento di 16 milioni di dollari all’inizio di quest’anno.

Walmart si unisce al lancio, da parte di MediLedger, di un progetto con la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. L’agenzia sta testando varie metodologie per creare un sistema digitalizzato interoperabile volto al monitoraggio e alla verifica dei farmaci con obbligo di prescrizione medica.

MediLedger si è inizialmente concentrato sulla verifica di quei farmaci che vengono restituiti dai clienti e che verranno successivamente rivenduti. Si tratta di una fetta di mercato che vale oltre 6 miliardi di dollari. Le leggi per contrastare la vendita di prodotti fraudolenti entreranno in vigore a novembre di quest’anno.

Successivamente, il gruppo lavorerà sul tracking di tutti i prodotti farmaceutici, comprendendo anche il settore che si occupa dell’imballaggio.

Stefano Cavalli
Stefano Cavalli

Nato a Parma, classe '92. Laureato in Ingegneria Informatica Elettronica e delle Telecomunicazioni all'Università degli Studi di Parma. Appassionato da anni in tecnologia Blockchain, economia decentralizzata e criptovalute. Esperto in Web-Development & Software-Development.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.