Il fondatore di TechCrunch vende la casa su blockchain
Blockchain

Il fondatore di TechCrunch vende la casa su blockchain

By Michele Porta - 24 Giu 2019

Chevron down

Propy, piattaforma immobiliare basata su blockchain, ha messo in vendita un immobile da 1,6 milioni di dollari a San Francisco di proprietà del fondo venture capital CrunchFund, co-fondato da Michael Arrington, fondatore di TechCrunch.

Read this article in the English version here.

Una piattaforma immobiliare su blockchain

L’annuncio segue la notizia della transazione più alta mai registrata su Propy fino ad oggi, ovvero la vendita di un immobile da 2,4 milioni di dollari, sempre a San Francisco. Transazione completata interamente sulla piattaforma.

Propy è una piattaforma di transazioni immobiliari che consente a compratori, venditori ed agenti di chiudere un affare immobiliare tradizionale interamente online. L’offerta di acquisto, il pagamento e la documentazione sono tutte gestite e certificate tramite blockchain.

Arrington, fondatore di TechCrunch, si è mostrato entusiasta della vendita gestita su blockchain:

“Il tradizionale processo di vendita immobiliare è arduo e antico. Compratori, venditori e il loro supporto professionale lottano con interazioni troppo complesse. Si tratta di un processo poco chiaro, datato e inutilmente lungo, pieno di rischi come ad esempio la frode telematica”.

L’amministratore delegato di Propy, Natalia Karayaneva, ha aggiunto:

“La principale implicazioni della blockchain, dopo le criptovalute, è quella di essere una tecnologia che certifica trasferimenti di proprietà. Essa da la possibilità di gestire il processo di un qualsiasi trasferimento di valore, compresi gli immobili”.

Propy ha completato sua prima transazione negli Stati Uniti, nel Vermont, circa 12 mesi fa. In tutto il mondo, ha certificato oltre 60 trasferimenti immobiliari, fra cui un asta di una dimora italiana del diciassettesimo secolo.

Il prezzo medio di una casa venduta su questa piattaforma è piuttosto alto: circa 1,5 milioni di dollari.

La ICO nel 2017

Karayaneva crede che in due o tre anni la maggior parte delle transazioni immobiliari saranno interamente digitalizzate. La società sta collaborando con i governi per fornire tecnologie che segnalino automaticamente e immediatamente il trasferimento di titoli di proprietà.

La venture capital dell’Associazione Nazionale degli Investitori Nazionali degli Stati Uniti (NAR) ha recentemente investito in Propy tramite il suo programma di accelerazione REACH. La società ha raccolto 15,5 milioni di dollari tramite ICO nel 2017.

Michele Porta
Michele Porta

Ingegnere informatico. Da sempre appassionato di tecnologia, hardware e software. Entra nel mondo delle criptovalute negli ultimi anni imparando a fare trading e studiando gli aspetti tecnologici e implementativi delle principali crypto sul mercato. Spera in un futuro privo di contanti e basato sulla sicurezza garantita dalla blockchain.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.