Federal Reserve: “Libra dovrebbe risolvere alcuni problemi”
Regolamentazione

Federal Reserve: “Libra dovrebbe risolvere alcuni problemi”

By Marco Cavicchioli - 11 Lug 2019

Chevron down

Secondo il governatore della Federal Reserve, il progetto Libra di Facebook dovrebbe risolvere alcuni seri problemi prima di poter procedere. 

Read this article in the English version here.

Jerome Powell lo ha rivelato durante un’audizione alla Commissione sui Servizi Finanziari del Congresso USA, presieduta da Maxine Waters. 

Ad un’esplicita domanda del Presidente della Commissione, Powell ha così risposto: 

“Libra solleva molte serie preoccupazioni riguardo la privacy, il riciclaggio di denaro sporco, la protezione dei consumatori e la stabilità finanziaria. Queste sono preoccupazioni che dovrebbero essere affrontate in modo approfondito e pubblico prima di procedere”.

Waters aveva espresso alcune preoccupazioni riguardo Libra e per questo durante l’audizione ha rivolto al governatore Powell alcune domande riguardo l’atteggiamento della Fed nei confronti di questo progetto. 

Powell ha confermato che si sono svolti degli incontri tra alcuni funzionari della Fed ed alcuni emissari di Facebook prima che la società pubblicasse il whitepaper, e che la banca centrale ha approfondito la questione. Il governatore ha anche ipotizzato che altre agenzie pubbliche, come il Financial Stability Oversight Council (FSOC), prenderanno sul serio queste preoccupazioni.

Ad un’altra domanda, proveniente dal rappresentante repubblicano della Carolina del Nord Patrick McHenry, Powell ha risposto: 

“Se ci fossero problemi associati al riciclaggio di denaro o al finanziamento del terrorismo – cose su cui siamo tutti concentrati, inclusa la società – questi si presenterebbero a livelli di importanza sistemica a causa semplicemente della dimensione della rete di Facebook”. 

Infine, Powell ha dichiarato che la Federal Reserve non vuole scoraggiare l’innovazione finanziaria, ma vuole che questa avvenga “in modo sicuro e sano”.

Su Libra si è espresso anche l’ex governatore della Banca Popolare Cinese (PBoC), Xiaochuan Zhou. 

cnLedger rivela infatti che Zhou auspica che la Cina prenda precauzioni a riguardo, perchè in futuro potrebbe emergere una valuta internazionalizzata e globalizzata, così forte che farà sì che le principali valute stabiliscano relazioni di cambio con essa. 

Secondo Zhou questa valuta globale potrebbe anche non essere Libra, ma è certo che si riferisse in particolare al progetto della criptovaluta di Facebook. 

Ciò che suggerisce l’ex governatore della PBoC è che la Cina cerchi soluzioni al problema che potrebbe causare Libra qualora dovesse diffondersi a livello internazionale, con il rischio di una dollarizzazione del settore monetario globale, per mantenere un proprio forte status monetario. È probabile che si riferisse al progetto della stessa POoC di creare una propria criptovaluta.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.