Il produttore di ASIC Canaan ha intenzione di avviare una IPO
Il produttore di ASIC Canaan ha intenzione di avviare una IPO
Mining

Il produttore di ASIC Canaan ha intenzione di avviare una IPO

By Emanuele Pagliari - 31 Lug 2019

Chevron down

Canaan è uno dei produttori di ASIC per il mining di bitcoin più famoso, secondo solo al colosso Bitmain. Proprio come il colosso Bitmain, l’azienda avrebbe intenzione di creare la propria IPO, in modo da aumentare il capitale a disposizione dell’azienda stessa.

Read this article in the English version here.

A quanto pare, Canaan avrebbe già richiesto e completato tutte le pratiche necessarie per effettuare la IPO negli USA, anche se non è stato effettuato alcun annuncio al pubblico. Stando ad alcuni rumor proveniente da fonti cinesi molto vicine all’azienda, il produttore di ASIC avrebbe intenzione di raccogliere 200 milioni di dollari tramite la IPO pubblica.

Dopo Bitmain anche Canaan tenta la IPO

Lo scorso gennaio 2019 un report pubblicato da Bloomberg aveva segnalato che l’azienda Canaan aveva intenzione di effettuare una IPO nel corso dell’anno a New York. Naturalmente si trattava di informazioni preliminari, in quanto all’epoca l’azienda aveva appena cominciato ad avviare tutte le pratiche necessarie.

Così come tentato da Bitmain, anche Canaan nel marzo 2018 aveva già provato ad avviare una IPO ad Hong Kong in modo da raccogliere un miliardo di dollari. Tuttavia tale IPO non è mai stata effettuata, in quanto sei mesi dopo, più precisamente nel novembre 2018, l’Hong Kong Stock Exchange ha declinato la richiesta di IPO effettuata da Canaan.

Per certi versi, la vicenda ricorda molto ciò che è accaduto a Bitmain. Anch’essa infatti, aveva effettuato una richiesta di IPO presso l’Hong Kong Stock Exchange nel settembre 2018, ma la proposta è stata rifiutata nel marzo 2019, motivo per cui il colosso ha deciso di affidarsi agli USA per poter in futuro avviare una nuova IPO.

Canaan negli anni è diventata famosa per la serie di ASIC bitcoin nominata Avalon Miner, caratterizzati da buone prestazioni a prezzi concorrenziali, ma soprattutto una qualità costruttiva da molti ritenuta assai superiore ai prodotti della ben più famosa Bitmain.

L’azienda dovrebbe, se tutto dovesse andare per il meglio, lanciare la propria IPO tramite la nuova Science and Technology (Sci-Tech) Innovation Board in collaborazione dello Shanghai Stock Exchange, a sua volta partner del New York Stock Exchange e del NASDAQ.

Non resta dunque che attendere un comunicato ufficiale da parte dell’azienda.

Emanuele Pagliari
Emanuele Pagliari

Ingegnere delle telecomunicazioni appassionato di tecnologia. La sua avventura nel mondo del blogging è iniziata su GizChina.it nel 2014 per poi proseguire su LFFL.org e GizBlog.it. Emanuele è nel mondo delle criptovalute come miner dal 2013 ed ad oggi segue gli aspetti tecnici legati alla blockchain, crittografia e dApp, anche per applicazioni nell'ambito dell'Internet of Things

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.