La blockchain di Ethereum va su Hyperledger
Blockchain

La blockchain di Ethereum va su Hyperledger

By Marco Cavicchioli - 23 Ago 2019

Chevron down

Hyperledger potrebbe presto integrare la blockchain di Ethereum. Sarebbe la prima blockchain pubblica ospitata sulla piattaforma. 

La vicenda però è leggermente complessa. 

Tutto inizia con una proposta di ConsenSys che ha suggerito al consorzio Hyperledger di adottare il progetto Pantheon, ovvero una suite di servizi realizzati da PegaSys e basati per l’appunto sulla blockchain di Ethereum. 

Pantheon è un client basato su Java che viene utilizzato per sviluppare applicazioni aziendali con funzionalità come la gestione della privacy e delle autorizzazioni.

I 50 ingegneri che compongono il team che ha sviluppato Pantheon sono membri di ConsenSys. 

L’8 agosto scorso ConsenSys ha inviato la proposta di adottare il client Pantheon ad una mailing list di Hyperledger. I membri del consorzio non hanno ancora deciso se accettare la proposta di ConsenSys o meno, ma è già stato deciso che, in caso di accettazione, Pantheon verrà rinominato in Hyperledger Besu.

Qualora la proposta venisse accettata, di fatto questa consentirebbe al progetto Hyperledger di utilizzare la blockchain d Ethereum attraverso il client di Pantheon. Inoltre, consentirebbe di unire progetti blockchain differenti come Hyperledger Fabric di IBM e Hyperledger Sawtooth di Intel. 

Ad oggi Hyperledger non utilizza alcuna blockchain pubblica, quindi l’ingresso di Pantheon avrebbe come conseguenza quella di aggiungere al progetto una prima blockchain pubblica, come quella di Ethereum. 

Oltretutto lo stesso codice open source di Pantheon verrebbe anche pubblicato sulla pagina GitHub di Hyperledger, in modo da essere aperto a tutti gli sviluppatori coinvolti nel progetto. 

Pantheon utilizza però anche reti private e di test, come Rinkeby, Ropsten e Görli.

In passato tuttavia c’erano già stati alcuni avvicinamenti di Hyperledger nei confronti di Ethereum, grazie all’iniziativa Burrow e la collaborazione del consorzio stesso con l’Enterprise Ethereum Alliance

I vantaggi specifici che una blockchain pubblica e decentralizzata può garantire non sono replicabili con blockchain private, pertanto è più che logico che un consorzio enterprise come Hyperledger acconsenta all’utilizzo anche di questo tipo di blockchain, oltre a quelle private già in uso.

Inoltre, non è un caso che potrebbe essere proprio la blockchain di Ethereum la prima ad essere integrata in un progetto di questa portata, visto che tra quelle su cui girano un numero significativo di smart contract è quella con più storia e più esperienza alle spalle

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.