Eidoo, il prezzo sale e va controcorrente
Trading

Eidoo, il prezzo sale e va controcorrente

By Federico Izzi - 27 Set 2019

Chevron down

Nonostante la giornata negativa in cui emergono nettamente i segni rossi con oltre il 70% delle criptovalute in rosso, il prezzo del token di Eidoo (EDO) attualmente sale del 34%.

Grafico Eidoo by Tradingview

Eidoo, infatti, nella giornata di oggi evidenzia una reazione all’ennesimo test dei 26 centesimi di dollaro, una soglia che per tutto il mese di settembre è stata testata per ben tre volte. 

Il prezzo del token Eidoo nelle ultime 12 ore evidenzia picchi rialzisti che si sono spinti oltre il 60%. Bisogna capire nei prossimi giorni se ci sono buone intenzioni per riportarsi sopra i 45 centesimi di dollaro, area di resistenza necessaria da superare per iniziare a disegnare tecnicamente un pattern rialzista con un primo target in area 60 centesimi di dollaro.

In caso contrario, un ritorno sotto i 30 centesimi evidenzierebbe ancora una debolezza di fondo per il prezzo del token di Eidoo. 

In generale, è stata una settimana decisamente negativa per i ribassi che per 9 coin su 10 delle prime 30 segnano ribassi superiori al 20% a causa del forte movimento al ribasso della serata di martedì e continua anche in queste ultime ore della settimana lavorativa.

Un po’ tutto il settore, dopo la burrasca che si è abbattuta, prova a rimettere le basi per cercare di reagire al forte movimento ribassista. Bitcoin, dopo oltre tre mesi, ha violato l’area supportiva del triangolo discendente che conteneva i prezzi dallo scorso giugno e che in precedenza ad ogni test veniva difeso dagli acquisti, che questa volta sono mancati anche a causa di notizie esogene all’analisi tecnica che hanno fatto scendere i prezzi del bitcoin ai livello dello scorso giugno. 

Altre altcoin si sono spinte a rivedere i livelli della scorsa primavera. Ancora peggio per Ripple che con l’ultimo ribasso ha spinto i prezzi ad aggiornare i minimi dell’anno. Stesso vale per Stellar: sia Ripple che Stellar da inizio anno viaggiano con un saldo negativo con perdite dal 1° gennaio superiori al 30%.

Fonte: COIN360.com

La capitalizzazione totale del mercato rimane insabbiata poco sopra i 210 miliardi di dollari, livelli che non si vedevano dallo scorso maggio, in un contesto decisamente diverso, quando il settore era in una fase ascendente rialzista.

La dominance di bitcoin mantiene a fatica il 68%, Ethereum prova a recuperare l’8,5% della quota di mercato, mentre è in leggera flessione XRP che rimane poco sopra al 4,8%.

In questa settimana c’è da annotare il deciso incremento dei volumi che tornano ai livelli di luglio a conferma che le fasi ribassiste scuotono non solo i nervi ma anche la dinamica degli scambi che aumentano nelle fasi di forti correzioni.

Grafico bitcoin by Tradingview

Prezzo Bitcoin (BTC)

Bitcoin nelle ultime 24 ore prova a gettare le basi in area 8.000 dollari per poter ritrovare un eventuale motivo di spingersi verso l’alto e verso il recupero almeno degli 8.500 dollari. 

La mancanza di un ritorno in area 8.500-8.700 dollari continuerebbe a evidenziare una tendenza ribassista in ottica mensile. La conclusione del mese di settembre rischierebbe di essere con un saldo decisamente negativo.

Se entro domenica il prezzo di bitcoin resterà sotto gli 8.500 dollari, questa sarebbe la settimana più negativa da novembre 2018.

Grafico Ethereum by Tradingview

Prezzo Ethereum (ETH)

Nelle ultime 24 ore ETH ha nuovamente testato la base supportiva dei 153-155 dollari, livello molto delicato che, in caso di una rottura o violazione verso il basso, attirerebbe un ulteriore speculazione con affondi che potrebbero spingere i prezzi di Ethereum a 125 dollari, livello successivo di supporto.

È necessario per Ethereum recuperare al più presto i 200 dollari, livello che era stato toccato all’inizio della seconda metà di settembre. Si è trattato però di un falso e pericoloso segnale rialzista, invalidato con l’affondo che si è sviluppato martedì con la rottura dei 190 dollari in piena tempesta ribassista.

In questa fase è necessario per Ethereum trovare valide basi per poter ripartire da area 155 dollari. In caso contrario continuerà la tendenza che sta caratterizzando l’andamento di Ethereum in un canale ribassista che si è formato lo scorso giugno.

Federico Izzi
Federico Izzi

Analista finanziario e #trader indipendente – Socio S.I.A.T. & Assob.it. Opera attivamente sui mercati azionari e dei derivati (futures ed opzioni) dal 1997. Precursore dell’analisi ciclica-volumetrica è noto per aver individuato i più importanti movimenti al rialzo ed al ribasso sui mercati finanziari degli ultimi anni. Partecipa annualmente come relatore all’ ITForum di Rimini dall’edizione del 2010 ed InvestingRoma e Napoli dalla prima edizione del 2015. Interviene come ospite ed esperto dei mercati durante le trasmissioni “Trading Room” e “Market Driver” di Class CNBC, Borsa Diretta.tv e nel TG serale di Traderlink. Da luglio 2017 è ospite fisso su LeFonti.TV nell’unico spazio nazionale settimanale dedicato alle criptovalute insieme ai più importanti esperti internazionali del settore. Da maggio 2017 è ufficialmente analista tecnico di BigBit. Periodicamente pubblica articoli su ITForum News, Sole24Ore, TrendOnLine, Wall Street Italia. E’ stato intervistato in qualità di esperto di #criptovalute per: Forbes Italia, Panorama, StartupItalia, DonnaModerna. E’ stato riconosciuto come primo analista tecnico italiano ad aver pubblicato la prima analisi ciclica secolare sul #Bitcoin. Federico Izzi è… Zio Romolo

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.