Report: Bitcoin più utilizzato nei Paesi con meno libertà
Blockchain

Report: Bitcoin più utilizzato nei Paesi con meno libertà

By Marco Cavicchioli - 14 Ott 2019

Chevron down

Un recente report sostiene che bitcoin venga utilizzato principalmente nei Paesi in cui vi sono delle limitazioni o in quelli che hanno delle difficoltà finanziarie.

Analizzando i dati dei volumi degli scambi su LocalBitcoins, si nota chiaramente che ci sono diversi Paesi in cui questi sono decisamente più alti rispetto ad altri. 

Il Paese che fa registrare il maggior volume di scambi è la Russia, che non è certo famosa per il suo mercato libero, con circa 1.500 BTC scambiati alla settimana.  

Ma già al secondo posto, accanto agli USA, si trova il Venezuela, con una media di circa 500 BTC a settimana. Il Venezuela è ad oggi uno degli Stati al mondo con le maggiori restrizioni e con le maggiori difficoltà in ambito finanziario. 

Anche in Cina i volumi di scambio sono molto sostenuti, nonostante il divieto ancora in corso, con circa 400 BTC scambiati a settimana. La Cina non soffre di particolari problemi finanziari, ma è un Paese ancora con molte limitazioni. 

Probabilmente per la vicinanza con il Venezuela, anche in Colombia i volumi di scambio sono sostenuti, con circa 300 BTC a settimana, mentre in India si fermano a circa 150. 

Un caso particolare ad esempio è la relativamente piccola Hong Kong, dove nelle settimane scorse, a causa del caos dovuto agli scontri tra i manifestanti ed il governo locale, gli scambi sono schizzati oltre i 170 BTC in una settimana. 

Il rapporto ha monitorato gli scambi di bitcoin per 33 mesi, a partire dal 2017 ed i dati complessivi hanno mostrato che in totale durante tale periodo sono stati scambiati circa 1,6 milioni di BTC. 

La conclusione è stata che bitcoin viene utilizzato per la maggior parte per attività legali, e che la categoria di Paesi che lo utilizzano maggiormente è quella dei paesi in cui le criptovalute sono vietate, o limitate, o con economie in calo.

Questo fa presupporre che, con il passare del tempo, bitcoin si stia avvicinando a diventare una valuta globale così come era stata progettata all’inizio e che in diversi Paesi inizi ad essere utilizzato anche come riserva di valore in alternativa a valute fiat locali in forte crisi.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.