Così Libra di Facebook è una minaccia per la sicurezza degli utenti
Criptovalute

Così Libra di Facebook è una minaccia per la sicurezza degli utenti

By Giorgi Mikhelidze - 21 Ott 2019

Chevron down

In questo articolo, daremo uno sguardo al modo esatto in cui la stablecoin di Facebook, Libra, può essere una minaccia alla sicurezza dei propri utenti.

Facebook ha svelato la propria criptovaluta qualche mese fa. Si chiama Libra e promette di “democratizzare” il mercato valutario. Con queste promettenti affermazioni e l’hype generale attorno alle criptovalute, è difficile non essere entusiasti per quanto riguarda Libra.

Tuttavia, alla luce dei recenti sviluppi associati all’uso improprio delle informazioni personali degli utenti di Facebook, sorgono crescenti preoccupazioni da parte dei politici e degli analisti finanziari. 

Libra: origini aziendali

Confrontando Libra con altre criptovalute come bitcoin, esistono alcune differenze fondamentali. Bitcoin, anche se ha causato un crollo totale sui mercati valutari con i suoi ridicoli picchi e cali di prezzo, è comunque una tecnologia decentralizzata gestita dalla comunità degli utenti.

Per quanto riguarda Libra, la moneta ha una fonte centralizzata che assomiglia molto al governo. Ci sono potenzialmente altri 21 importanti membri dell’Associazione Libra come Spotify, ma è chiaro che Facebook detiene il principale potere d’iniziativa.

Con Facebook ai vertici del governo, c’è una reale possibilità di gestione monopolistica. Quando i monopoli emergono su qualsiasi mercato, hanno il potere di dettare le proprie regole e difficilmente prendono in considerazione i desideri dei clienti. A questo punto, le aziende sono più concentrate nel raccogliere altrettanta ricchezza, mentre i loro clienti non hanno molte altre alternative.

Questo è ciò che fa paura in Libra. Gli utenti attivi mensili di Facebook nel primo trimestre del 2019 hanno raggiunto i 2,375 miliardi. Con una base clienti così vasta, Libra di Facebook sarà una delle valute più grandi in circolazione, non solo tra le criptovalute. Questo significa che gli incentivi monopolistici saranno sempre più prevalenti per l’azienda.

Facebook e Libra: una minaccia ai dati personali

Dal momento che stiamo parlando di una delle più grandi utenze, è giusto menzionare un’altra minaccia associata a Libra – l’uso improprio delle informazioni personali da parte di Facebook.

Il 2018 è stato un anno tumultuoso per Facebook. Uno degli eventi più importanti di quell’anno è stato quello di Cambridge Analytica: un ex dipendente di Cambridge Analytica ha rivelato che l’azienda stava ottenendo impropriamente i dati degli utenti di Facebook. 

L’azienda è stata caratterizzata come un’entità di profilazione degli elettori che ha identificato i modelli di voto dei cittadini americani e ne ha influenzato il comportamento. Secondo fonti non ufficiali, sono trapelati oltre 87 milioni di dati di utenti di Facebook.

Alla luce di tale comportamento scorretto, gli utenti di Facebook sono sempre sotto la minaccia di un’altra violazione della loro privacy. E con l’imminente uscita di Libra, anche la loro stabilità finanziaria viene compromessa. 

Secondo Naeem Aslam, capo analista di mercato di Think Markets,

“Libra sarà la prima grande criptovaluta ….. introdotta da una grande azienda o impresa”.

Quasi 3 miliardi di utenti saranno, in teoria, inclusi nel sistema e ognuno di loro sarà esposto alla minaccia finanziaria.

Libra: terrorismo e riciclaggio di denaro sporco

Un altro pericolo è associato alla crypto-natura di Libra. Tuttavia, ad essere perfettamente onesti, questa lacuna è un problema comune con tutte le criptovalute. Il fatto è che sono anonime, il che significa che non c’è praticamente nessun modo di rintracciare le origini delle transazioni.

Le autorità di regolamentazione hanno espresso grandi preoccupazioni circa le problematiche delle criptovalute utilizzate per il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. Secondo questi politici, con una portata così vasta e senza limitazioni normative, Libra potrebbe essere una moneta perfetta per tali usi.

Tuttavia, per non sembrare eccessivamente pessimisti e denunciare apertamente la tecnologia delle criptovalute, andiamo a vedere alcuni dei lati positivi di Libra.

Mercati ‘democratizzati’ su Facebook

Una delle principali promesse dell’Associazione Libra è stata quella di “democratizzare” i mercati valutari e servire le persone “scarsamente servite”. Secondo Business Insider, ci sono oltre 2 miliardi di persone “underbanked” senza conti bancari che ricevono il loro reddito in contanti. Non sorprende che la maggior parte di loro provengano da paesi in via di sviluppo. 

Con i 2,5 miliardi di utenti di Libra e Facebook, questo problema potrebbe essere superato in un batter d’occhio. Per utilizzare la valuta, basta un dispositivo connesso a Internet. 

Inoltre, la quantità di valuta sul mercato dipenderà esclusivamente dalla domanda e dall’offerta. In questo modo, con le questioni governative e le motivazioni politiche alla base dei tassi di inflazione, la valuta sarà molto più equa e rifletterà le condizioni di mercato.

Ciò è particolarmente importante per altre questioni politiche come il prezzo del petrolio. Oggi i prezzi del petrolio sono stabiliti in USD e quindi gli Stati Uniti mantengono la loro posizione dominante non solo dal punto di vista economico, ma anche politico. Tuttavia, quando Libra entrerà sul mercato e diventerà una valuta popolare, aumenterà l’incentivo per trasformare i modelli di prezzo dal dollaro alle criptovalute.

In questo modo, ci sarà molto meno spazio per manipolazioni politiche e guerre commerciali che ora toccano la nostra vita quotidiana.

 

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.