I risultati dello studio del MiSE per l’utilizzo della blockchain per il Made in italy
Blockchain

I risultati dello studio del MiSE per l’utilizzo della blockchain per il Made in italy

By Marco Cavicchioli - 8 Nov 2019

Chevron down

Giovedì prossimo sarà presentato il progetto pilota per l’applicazione della tecnologia blockchain al Made in Italy. 

Si tratta di un progetto del Ministero per lo Sviluppo Economico (MiSE) in collaborazione con IBM, avviato a marzo ed incentrato su uno studio di fattibilità per verificare i punti di forza e quelli critici dell’applicazione della blockchain a settori importanti per il tessuto produttivo italiano. 

La presentazione dei risultati dello studio di fattibilità avverrà il 14 novembre, alle ore 11:00, presso il Salone degli Arazzi del Ministero dello Sviluppo Economico, con particolare riferimento al settore del tessile per la valorizzazione e protezione dei prodotti Made in Italy. 

Infatti all’evento di presentazione parteciperanno alcune imprese tessili coinvolte nella sperimentazione, insieme alle associazioni di categoria. 

All’evento parteciperanno anche lo stesso Ministro Stefano Patuanelli e l’Amministratore Delegato di IBM, Enrico Cereda. 

Lo studio ha cercato di verificare quali potrebbero essere le condizioni per l’applicazione di una soluzione basata sull’utilizzo di registri distribuiti per certificare il ciclo di produzione di prodotti tessili. 

Questa sarebbe soltanto la prima possibile applicazione di queste tecnologie, perché il MiSE vorrebbe estenderne l’utilizzo anche ad altri settori strategici per il Paese, e presentarla anche nell’ambito dei lavori della European Blockchain Partnership.

Allo stato attuale non sono trapelate indiscrezioni sui risultati dello studio, che verranno pertanto rilevati solamente durante la presentazione di giovedì. 

Non sembra nemmeno che siano stati coinvolti i membri del gruppo di esperti selezionati dallo stesso ministero per elaborare la strategia del paese nei confronti dello sviluppo delle tecnologie basate su blockchain e su registri distribuiti. 

Sono invece state coinvolte, oltre ad IBM, diverse aziende ed associazioni della filiera del tessile in modo da favorire lo scambio delle conoscenze tra i vari attori, e per analizzare gli attuali processi produttivi in modo da identificare possibili soluzioni concrete basate su blockchain. 

Pochi giorni fa il nuovo Ministro per lo Sviluppo Economico Stefano Patuanelli ha dichiarato

“Siamo pionieri in Europa nell’introduzione di nuove tecnologie come la Blockchain per la quale, congiuntamente al tema dell’Intelligenza Artificiale, sono stati creati gruppi di esperti di alto livello in grado di elaborare un documento contenente Proposte per una Strategia italiana: quello su Intelligenza artificiale è già stato presentato e faremo altrettanto a breve per Blockchain. 

Attraverso l’utilizzo della Blockchain stiamo sviluppando uno specifico progetto per promuovere il Made in Italy. Il progetto pilota “Blockchain per la tracciabilità nel tessile” è possibile grazie al coinvolgimento dal basso di imprese medio piccole del settore e al partner tecnologico IBM e darà luogo al rilascio di un documento “proof of concept” disponibile per tutte le imprese che vorranno avvicinarsi a questa tematica. Presto vorremo applicare il medesimo modello anche all’agrifood”.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.