Xi Jinping: “le criptovalute potrebbero diventare illegali”
Regolamentazione

Xi Jinping: “le criptovalute potrebbero diventare illegali”

By Marco Cavicchioli - 19 Nov 2019

Chevron down

Il Presidente cinese Xi Jinping avrebbe affermato che le criptovalute in futuro potrebbero essere inserite nella lista delle cose illegali. 

A dire il vero in Cina formalmente è ancora in atto un ban nei confronti delle criptovalute, ma ultimamente sembrava che il Paese si stesse aprendo a queste tecnologie. 

Invece, il Presidente ha chiarito che le ritiene rischiose perché utilizzate per scopi criminali, pertanto non esclude che nel prossimo futuro possano essere addirittura inserite tra gli strumenti proibiti proprio perché favorirebbero la criminalità. 

L’attuale ban cinese, infatti, riguarda per ora solo il divieto di cambiare valuta fiat in criptovalute, e non l’utilizzo delle medesime. Le parole di Xi Jinping fanno ipotizzare che in futuro potrebbero essere presi invece anche provvedimenti in tal senso. 

Inoltre, come rivela Dovey Wan, in Cina è andato in onda un programma televisivo su CCTV1, il canale ufficiale del Partito comunista cinese (PCC), secondo cui le criptovalute sono titoli non registrati, vanno considerate uno schema Ponzi e costituiscono pertanto una frode finanziaria. 

Nel frattempo però la Cina sta per lanciare una sua valuta digitale di Stato, e lo stesso presidente si è detto molto favorevole allo sviluppo delle tecnologie basate su blockchain nel Paese. 

Questo atteggiamento di così difficile lettura del paese assomiglia per certi versi a quello dell’India, dove ad esempio molti tentativi di porre un freno all’utilizzo delle criptovalute sono falliti.

Il problema probabilmente sta nel fatto che organi politici con grandi poteri fanno molta fatica a comprendere l’utilità e la portata rivoluzionaria delle tecnologie decentralizzate, tanto che gli stessi utilizzi che immaginano non sembrano affatto cogliere questa opportunità. 

Sebbene cerchino di imporre una visione che considera blockchain un bene, e le criptovalute decentralizzate un male, non capiscono che senza criptovalute decentralizzate blockchain non è affatto una tecnologia rivoluzionaria o particolarmente innovativa. 

Pertanto mettendo da parte la decentralizzazione queste tecnologie non saranno in grado di fare realmente la differenza. 

Il fatto è che la decentralizzazione depotenzia lo Stato ed è proprio questo il motivo per cui è stata scelta come base per lo sviluppo delle criptovalute e spaventa i governi più autoritari. Tuttavia, la decentralizzazione rende le criptovalute inarrestabili, quindi quella dei governi autoritari contro le criptovalute decentralizzate, potrebbe rivelarsi una battaglia persa in partenza così come sta accadendo in India e così come in futuro potrebbe anche accadere in Cina.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.