banner
Vitalik Buterin propone lo sharding per EOS
Vitalik Buterin propone lo sharding per EOS
Blockchain

Vitalik Buterin propone lo sharding per EOS

By Alfredo de Candia - 29 Nov 2019

Chevron down

Poche ore fa il fondatore di Ethereum (ETH), Vitalik Buterin, con un post su Twitter ha proposto a EOS di adottare lo sharding. 

 Lo sharding permette di dividere la rete in piccole parti affinché si velocizzi la blockchain stessa: questa soluzione, quindi, permetterebbe di aumentare il numero di transazioni al secondo (tps) gesiste da EOS. 

Ma che senso avrebbe un sistema del genere sulla blockchain di EOS, se questa blockchain ha già la capacità di gestire 1000 volte le tps di Ethereum? 

Buterin con questa proposta vorrebbe che si arrivasse ad avere una blockchain di EOS più decentralizzata, dato che come sappiamo ci sono 21 Block Producer (BP) che gestiscono la rete e si possono verificare casi in cui un solo utente o un solo BP controlli gli altri BP all’insaputa della comunità.

La soluzione dello sharding permetterebbe a EOS di dividere i dati che i BP devono validare e permetterebbe una decentralizzazione maggiore, visto che i dati sarebbero diversi per tutti i BP.

Ovviamente questa è solo un’idea che si potrebbe applicare, ma come scritto in diversi commenti, è difficile prendere seriamente questa proposta visto che nemmeno Ethereum l’ha messa in pratica.

È interessante notare come alcuni si chiedano anche se Buterin voglia fare solo marketing allo sharding.

Altri invece propongono che Buterin vada a lavorare insieme a Daniel Larimer, CTO di Block.one, per creare una blockchain EOS ancora più potente, dato che sono forse due delle menti più esperte in materia.

Solo pochi giorni fa lo stesso Larimer ha proposto una soluzione per poter risolvere il problema della CPU che sta affliggendo da diverse settimane la blockchain di EOS.

Per questo problema, infatti diverse dApp attualmente basate su EOS, come per esempio EarnBet, hanno minacciato di lasciare questa blockchain, mentre altre come Karma hanno già deciso di passare ad un’altra blockchain.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.