Eidoo Card Teal
Eidoo Card Purple
Eidoo Card Black

Introduce your digital currencies to the real world.
Experience DeFi on demand with the Eidoo Card

Pre-order yours and enjoy exclusive rewards,
including up to 10% crypto cashback.

Revolut: donazioni per gli incendi in Australia
Revolut: donazioni per gli incendi in Australia
Criptovalute

Revolut: donazioni per gli incendi in Australia

By Marco Cavicchioli - 17 Gen 2020

Chevron down

Revolut ha annunciato una collaborazione con Croce Rossa e WWF per raccogliere donazioni per gli incendi in Australia. 

In particolare, il progetto sostenuto da Revolut mira a dare supporto a migliaia di persone e di animali coinvolti nella recente emergenza incendi nel paese australe. 

Infatti, nello specifico la Croce Rossa sta fornendo alle persone coinvolte scorte di acqua e cibo, oltre a supporto psicologico, mentre il WWF sta tentando di rispondere tempestivamente all’impatto degli incendi sulla fauna locale. 

A tal proposito, Revolut, Croce Rossa e WWF hanno lanciato un appello a contribuire con donazioni alla realizzazione dei loro interventi e Revolut stessa mette a disposizione dei propri utenti la possibilità di donare facilmente e velocemente denaro per questa causa. 

La società fintech già in passato ha partecipato a questo tipo di iniziative, grazie alla sua specifica funzione donazioni, contenuta all’interno dell’app, che consente agli utenti di arrotondare i propri pagamenti donando la differenza in beneficenza. 

Gli utenti inoltre potranno anche donare impostando pagamenti ricorrenti o effettuando donazioni singole. 

Il 100% delle donazioni verrà devoluto in beneficenza e la società non tratterrà alcuna commissione. Non esiste una soglia minima per le donazioni e la funzione può essere attivata o disattivata in qualsiasi momento. 

In particolare, le donazioni indirizzate alla Croce Rossa verranno inviate all’Australian Red Cross Disaster Relief and Recovery Fund, l’ente che sta fornendo cibo e acqua, supporto psicologico, controlli medici, servizi telefonici satellitari ed altro alla popolazione australiana travolta dalla crisi. 

Invece, le donazioni indirizzate al WWF verranno inviate a chi sta gestendo l’impatto degli incendi sulla fauna locale. In particolare i fondi verranno utilizzati per ripristinare l’habitat dei koala con la piantumazione di 10.000 alberi necessari alla sopravvivenza di questi animali. 

Gli incendi sono stati devastanti e la crisi pertanto è ancora in atto.

Si contano oltre 1.200 case distrutte, decine di migliaia di edifici senza elettricità, migliaia di persone evacuate, con più di 10 milioni di ettari di terra bruciati e fino a 1,25 miliardi di animali uccisi direttamente o indirettamente dagli incendi.

Il Global Head of Legal di Revolut, Tom Hambrett, ha dichiarato: 

“Il supporto dell’intero team di Revolut in questa difficile situazione è stato prezioso e sono certo che la nostra generosa community apprezzerà l’opportunità di donare e aiutare chi è stato coinvolto in questi incendi catastrofici”. 

L’Head of Engagement and Support della Croce Rossa australiana, Belinda Dimovski, ha aggiunto: 

“Stiamo assistendo a un fenomeno senza precedenti. E lo stesso è per l’ondata di aiuti che stiamo ricevendo da persone e aziende di tutto il Paese e da oltreoceano. I fondi che raccoglieremo assicureranno al nostro staff e ai volontari la possibilità di supportare per un lungo periodo tutte le persone coinvolte a rialzarsi e riprendere in mano le proprie vite. Offriremo loro anche un aiuto economico per coprire le spese essenziali per la ricostruzione. Ringraziamo Revolut e gli utenti per questa incredibile iniziativa e per la generosità nei confronti dei team d’emergenza e delle persone che aiutiamo”. 

Infine il Chief Wildlife Adviser di WWF, Paul De Ornellas, conclude dicendo: 

“L’Australia sta bruciando e l’impatto è enorme. Sono state perse vite umane e abitazioni, e anche la fauna selvatica sta soffrendo. Si stima che oltre un miliardo di mammiferi, uccelli e rettili siano coinvolti, incluso il 30% dell’intera popolazione di koala di quest’area. Una volta domati gli incendi dovremo lavorare per ripristinare quanto è stato perso. I cambiamenti climatici non sono la causa degli incendi ma li rendono più probabili e forti. Le intense ondate di caldo e l’estrema siccità dell’ultimo anno hanno alimentato le fiamme e causato questo stato di emergenza. Dobbiamo tutti fare qualcosa per proteggere il pianeta dai disastri climatici: se ciò non avviene tali eventi diventeranno la normalitá, con conseguenze letali per le persone e per la natura”.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 11mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.