Perché le stablecoin sono importanti in Unione Europea
Perché le stablecoin sono importanti in Unione Europea
Stable Coin

Perché le stablecoin sono importanti in Unione Europea

By Giorgi Mikhelidze - 31 Gen 2020

Chevron down

Le stablecoin sono ormai diventate la fase successiva della tecnologia blockchain, soprattutto in Unione Europea. I nuovi security token sono molto difficili da trovare in questi giorni, soprattutto dopo il massiccio crollo del mercato nel 2018. 

La maggior parte dei player del settore che non hanno avuto quello che ci voleva per sopravvivere al calo dell’hype di bitcoin vennero esclusi dal mercato, mentre quelli che sono riusciti a sopravvivere continuano a rimanere in vita

Tuttavia, un tipo specifico di asset crypto è riuscito a sopravvivere a tutti questi movimenti del mercato, ovvero le stablecoin. Come mai? 

Questo tipo di asset è stato progettato per non variare di prezzo, indipendentemente da ciò che sta accadendo nell’ industria crypto. In più, ogni volta che c’è una recessione nel mercato, le stablecoin sono di solito le valute di riferimento per la maggior parte dei trader. 

Per di più, nell’ultimo anno, sono diventate notevolmente più utili.

Perché proprio l’Unione Europea?

L’Unione Europea è davvero unica per un fenomeno nuovo come le criptovalute perché è la combinazione di quasi tutto ciò di cui gli asset crypto hanno bisogno per prosperare. 

  • Un grande mercato;
  • Investitori importanti;
  • Chiarezza normativa;
  • Libertà di investimento.

L’Unione Europea ha la caratteristica unica di ospitare milioni di persone benestanti che sono in grado di indirizzare i fondi verso il mercato delle criptovalute senza preoccuparsi troppo del rischio. 

Inoltre, la regione è molto agevole in termini di regolamentazione, poiché, indipendentemente da ciò che la CE (Commissione Europea) decide di attuare, si diffonderà presto in tutti gli stati membri, aumentando così il mercato per le aziende esistenti senza bisogno di ulteriori ricerche. 

Questo è avvenuto con le società di servizi KYC in Europa, in quanto hanno coinvolto quasi tutti gli Stati membri.

Hub crypto già esistenti

Un altro grande vantaggio dell’UE è che è già la sede di un hub crypto. Nonostante il Paese non faccia necessariamente parte dell’UE, aderisce comunque alla maggior parte delle leggi che sono relative alla regione.

Sto parlando della Svizzera, un Paese che recentemente è riuscito a far accettare Bitcoin come pagamento delle tasse dalla sua seconda città, ed è probabilmente l’unico Paese che ha appoggiato Libra di Facebook

Ma anche la Svizzera ha i propri problemi. Per prima cosa è ovvio che il paese è piuttosto dipendente dai propri vicini, in particolare dalla Germania. Il Paese sopravvive per lo più grazie al settore dei servizi, evitando completamente le risorse. Per questo motivo, se nell’UE dovesse verificarsi un qualche tipo di cambiamento economico, il sistema monetario EUR/CHF potrebbe essere completamente distrutto, trascinando con sé l’intera economia svizzera. 

Certo, c’è abbastanza oro per sostenere il CHF, ma oggigiorno il punto centrale è sostenere la moneta con l’economia del Paese, e nel XXI secolo l’economia è la parte più fragile di ogni Paese.

Cultura di una moneta universale

L’idea delle stablecoin è quella di fornire alla popolazione generale una criptovaluta che possa essere utilizzata per le questioni quotidiane. Le criptovalute stesse non hanno la capacità di farlo in quanto sono estremamente volatili rispetto alle tendenze del mercato. 

Un’altra caratteristica che le stablecoin stanno perseguendo è l’idea di una moneta universale in cui un’unità di denaro può essere utilizzata da quasi tutti in tutto il mondo. Per il momento, ciò è ovviamente molto lontano, ma non così lontano nell’Unione Europeanon così lontano nell’Unione Europea

Gli europei si sono già adattati ad usare l’euro come valuta di partenza e ha funzionato bene per la maggior parte del tempo. L’idea di utilizzare una nuova moneta universale con l’unica differenza che non può essere usata come denaro contante non dovrebbe essere troppo estranea per loro.

Questo è particolarmente pertinente per i paesi nordici, dove quasi il 90% della popolazione ha smesso di usare il contante e un piccolo gruppo di persone ha iniziato a dotarsi di chip all’interno del corpo per i pagamenti digitali. 

Se un’adozione crypto dovesse avvenire su larga scala, è quasi garantito che sia nell’Unione Europea.

Giorgi Mikhelidze
Giorgi Mikhelidze

Giorgi è un software developer che vive in Georgia con due anni di esperienza nel trading sui mercati finanziari. Ora lavora per aumentare la conoscenza della Blockchain nel suo Paese e cerca di condividere le sue scoperte e ricerche con quanta più gente possibile.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.