banner
Come comprare una Ferrari con un token digitale
Come comprare una Ferrari con un token digitale
Criptovalute

Come comprare una Ferrari con un token digitale

By Marco Cavicchioli - 31 Gen 2020

Chevron down

Presto potrebbe essere possibile acquistare una Ferrari anche con pochi spiccioli, grazie ad un token digitale. 

Infatti, la piattaforma di investimento CurioInvest, in partnership con l’exchange di asset digitali MERJ, sta per mettere sul mercato dei token supportati da auto da collezione. 

In realtà, le due società mirano a tokenizzare e mettere così in vendita beni rari e da collezione, tra cui auto d’epoca, vini e gioielli, visto che negli ultimi tempi il loro mercato si è ripreso dopo la grande crisi finanziaria di qualche anno fa. 

Ad esempio, le auto d’epoca mediamente si sono rivalutate del 330% nel corso dell’ultimo decennio e qualcosa di simile vale anche per altri beni preziosi o da collezione. 

In particolare, l’azienda intende mettere sul mercato 500 auto da collezione, per un valore complessivo di oltre 200 milioni di dollari, conservate in un caveau in Germania, tra le quali anche proprio una Ferrari da 1,1 milioni. 

L’obiettivo è quello di tokenizzare questi beni per renderli accessibili ad una vasta gamma di persone, attualmente tagliate fuori da questo mercato a causa dei prezzi elevati. 

Infatti, tokenizzare un bene significa di fatto metterne sul mercato delle quote di proprietà, un po’ come si fa con le aziende che vanno in borsa a vendere le proprie azioni, in modo che le singole quote abbiano prezzi abbordabili anche per chi non dovesse disporre di capitali importanti. 

La tokenizzazione degli asset

Sono già stati fatti esperimenti simili anche in altri campi, come ad esempio quello immobiliare, con la tokenizzazione di immobili sulla blockchain di Ethereum

Anche l’oro fisico è già stato tokenizzato in diverse iniziative simili, mentre in alcuni casi la tokenizzazione non è stata utilizzata per mettere sul mercato quote di beni fisici, ma ad esempio diritti di voto

Persino l’OCSE si è accorta del fenomeno in atto della tokenizzazione degli asset, tanto da aver pubblicato un report in cui viene evidenziata la necessità di affrontare con apertura questi nuovi sviluppi. 

Il responsabile della strategia digitale di MERJ, Jim Needham, ha anche affermato che tutto ciò avviene grazie ad un’adeguata regolamentazione.

“Stiamo parlando di un’offerta molto ben regolata che sarà listata in una vera borsa valori. 

È una perfetta illustrazione di ciò che questo, come strumento, ovvero di ciò che la tecnologia blockchain e la tecnologia dei registri distribuiti possono fare per democratizzare i mercati dei capitali”. 

Il fondatore e amministratore delegato di CurioInvest, Fernando Verboonen, inoltre ha fatto notare che le auto da collezione ad esempio sono storicamente considerate investimenti sicuri, ma attualmente gestite da pochissime persone. 

Con la tokenizzazione tutti potranno beneficiare di queste caratteristiche finanziarie dei beni di lusso simili.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.