Il Coronavirus non ferma Travala
Il Coronavirus non ferma Travala
Criptovalute

Il Coronavirus non ferma Travala

By Alfredo de Candia - 2 Mar 2020

Chevron down

Ieri è stato pubblicato l’ultimo report mensile di Travala – relativo al mese di febbraio –  che mostra che, nonostante le vicissitudini del Coronavirus, la piattaforma ha registrato un aumento delle prenotazioni per quanto riguarda gli hotel.

Come leggiamo dal report, anche nel mese di febbraio Travala ha visto un incremento a doppia cifra, quasi il 35%, rispetto al mese di gennaio, con oltre 2300 camere prenotate, nonostante l’espansione del Coronavirus e del suo impatto nel mondo crypto.

Tra le varie destinazione che hanno preferito i viaggiatori vediamo al primo posto gli USA, seguiti dalla Thailandia e Inghilterra, Spagna, Repubblica Dominicana, Germania e Australia. Mancano le mete asiatiche forse proprio a causa del virus.

Per quanto riguarda l’utilizzo delle crypto, queste battono ancora una volta le fiat con il 57% contro il 43%; le crypto più utilizzate sono state BTC al 23%, AVA con l’11% e poi ETH al terzo posto, ma nel report si menzionano anche USDT, BCH, Crypto.com e Dash.

Ricordiamo anche che la piattaforma Travala permette di bloccare i token AVA per ottenere sconti sulle prenotazioni e, il totale degli utenti SMART che hanno fatto messo in staking questi token ha superato le mille unità, bloccando in totale oltre 4 milioni di AVA, oltre 650 mila dollari: si tratta dell’11% della supply circolante di 35 milioni di AVA.

Insomma, ancora una volta, nonostante le difficoltà dell’ultimo periodo soprattutto per la chiusura di frontiere e luoghi di aggregazione, questo non ha scalfito minimamente la crescita del settore del turismo e dell’utilizzo delle crypto come metodo di pagamento.

Anche il prezzo del token AVA, con un valore intorno a $ 0,16, occupa la posizione 429 di CoinMarketCap, sembra non aver risentito particolarmente dell’impatto del virus, ed anzi ha visto una ripresa che si attesta a poco meno del +6%.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.