Cina: riciclati 100 milioni da crypto hacker in Corea del Nord
Cina: riciclati 100 milioni da crypto hacker in Corea del Nord
Sicurezza

Cina: riciclati 100 milioni da crypto hacker in Corea del Nord

By Marco Cavicchioli - 3 Mar 2020

Chevron down

Due cittadini cinesi avrebbero riciclato più di 100 milioni di dollari provenienti da crypto hacker operanti per conto della Corea del Nord. 

Secondo quanto riferisce Reuters, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti li ha sporto queste accuse all’interno di atti giudiziari sull’utilizzo di hacker da parte del paese asiatico proprio per eludere le sanzioni internazionali.

I due presunti autori dell’illecito avrebbero aiutato alcuni hacker nordcoreani a riciclare criptovalute frutto di furti tra dicembre 2017 ed aprile 2019, proprio contribuendo a nascondere il denaro rubato alle forze dell’ordine. 

Quei fondi sarebbero stati riciclati utilizzando centinaia di transazioni automatizzate progettate proprio per impedire agli investigatori di rintracciarne la fonte e sarebbero poi stati utilizzati per contribuire a pagare le infrastrutture della Corea del Nord che vengono utilizzate proprio per lanciare attacchi informatici.

Gli avvocati del Dipartimento di Giustizia hanno anche dichiarato di aver sequestrato alcuni fondi provenienti da un furto di circa 250 milioni di dollari che sempre degli hacker nordcoreani avevano rubato da un exchange crypto nel 2018.

Inoltre, avrebbero anche scoperto il coinvolgimento degli stessi hacker in un attacco ad un exchange crypto sudcoreano nel novembre 2019 che portò ad incassare oltre 48 milioni di dollari in criptovalute. 

Il procuratore del Distretto di Columbia Timothy Shea ha dichiarato: 

“L’hacking degli exchange crypto ed il relativo riciclaggio di denaro a beneficio degli attori nordcoreani rappresentano una grave minaccia per la sicurezza e l’integrità del sistema finanziario globale”. 

Reuters riferisce anche che, secondo un rapporto delle Nazioni Unite dell’anno scorso, la Corea del Nord con attacchi informatici mirati a rubare fondi da banche e da exchange crypto abbia raccolto circa 2 miliardi di dollari, utilizzati poi per i propri programmi legati alle armi di distruzione di massa. 

Gli esperti delle Nazioni Unite hanno affermato che gli attacchi agli exchange crypto hanno prodotto introiti in modi più difficili da rintracciare, e soggetti ad una minore supervisione e regolamentazione dei governi. 

La Corea del Nord ha però sempre negato queste accuse.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.