Bitcoin: un altro stale block
Bitcoin: un altro stale block
Blockchain

Bitcoin: un altro stale block

By Marco Cavicchioli - 3 Mar 2020

Chevron down

Oggi si è verificato uno “stale block” sulla blockchain di Bitcoin. Si tratta di un blocco che non viene aggiunto alla catena principale perchè ha la medesima altezza di un blocco già minato in precedenza. 

Si tratta del blocco 619970, di cui ne sono state minate due versioni. Entrambi i blocchi sono stati minati alle ore 10:32 del 2020-03-03, a 4 secondi di differenza l’uno dall’altro, ma di questi solo uno ha avuto un blocco successivo ed è entrato nella catena principale. 

Quello che è stato minato per primo, risultando poi effettivamente integrato nella blockchain, è stato minato da OKEX, ed è concatenato con il blocco successivo, il 619971. 

L’altro invece è stato minato da Poolin, è stato scartato, ed è rimasto senza un blocco successivo. 

I due blocchi differiscono anche per numero di transazioni incluse, volume complessivo di BTC in esse contenute, e premio in fee. 

Non c’è comunque stata doppia spesa, e le 10 transazioni incluse nello stale block scartato, e non nell’altro blocco, sono state poi incluse nel successivo blocco. 

A rivelarlo è stata BitMEX Research, che ha anche pubblicato uno schema che illustra i due blocchi minati quasi in contemporanea, con la stessa altezza, di cui però solo uno ha avuto un seguito ed è quindi stato incluso nella catena principale. 

Queste sono evenienze rare, ma non rarissime, visto che l’ultimo stale block che si era verificato in precedenza era stato minato il 27 febbraio. 

Sono dovuti a conflitti nella rete Bitcoin causati dalla velocità finita con cui i vari miner comunicano con i nodi. 

In questo caso specifico sono bastati 4 secondi di disallineamento per far sì che Poolin minasse un blocco già minato da OKEX, vedendoselo poi scartato dalla rete perché arrivato dopo. 

In realtà il motivo per cui il primo blocco, minato da OKEX, sia stato incluso nella catena principale della blockchain di Bitcoin, e l’altro no, è che il primo ha avuto un seguito, cioè un successivo blocco concatenato. Infatti in casi di conflitto come questi vince la catena più lunga, quindi basta che uno dei due blocchi abbia un successivo, e l’altro no, per far sì che quello senza un blocco seguente venga scartato, pur essendo stato minato correttamente.

Marco Cavicchioli
Marco Cavicchioli

Classe 1975, Marco è un docente di web-technologies e divulgatore online specializzato in criptovalute. Ha fondato ilBitcoin.news, ed il suo canale YouTube ha più di 25mila iscritti.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.