In Germania le crypto sono strumenti finanziari
In Germania le crypto sono strumenti finanziari
Regolamentazione

In Germania le crypto sono strumenti finanziari

By Eleonora Spagnolo - 5 Mar 2020

Chevron down

In Germania le crypto sono ufficialmente strumenti finanziari. A sgomberare il campo da ogni dubbio è l’autorità di supervisione finanziaria tedesca, la Bafin

In un comunicato stampa, la BaFin stabilisce una volta per tutte che le criptovalute sono strumenti finanziari e fornisce le linee guida per i servizi di custodia crypto. 

Per prima cosa viene stabilito che rientrano in queste disposizioni quei beni digitali che hanno un valore anche se non sono stati emessi da enti pubblici o banche centrali, ma che le persone scambiano per via elettronica ed accettano come sistema di pagamento, oppure hanno uno scopo di investimento.  

Vengono poi fornite indicazioni per i requisiti di licenza per operare con questi strumenti finanziari. A questo punto, come per tutte le attività finanziarie in Germania, per operare è necessaria l’autorizzazione scritta della Bafin, indipendentemente dal fatto che chi offre il servizio è una persona fisica, persona giuridica o società di persone. Le società che già operano con le criptovalute dovranno mettersi in regola entro novembre 2020. Quelle che operano in Europa dovranno comunque fare domanda alla BaFin.

Criptovalute e regolamentazione in Germania 

Si tratta di precisazioni che vanno ad aggiungersi alla nuova normativa entrata in vigore in Germania dal 1 gennaio sul contrasto al riciclaggio di denaro. Disposizioni che si integrano con la più ampia normativa europea in merito, la AMLD5.

Questa apertura dell’autorità tedesca arriva dopo che la stessa ha ricevuto oltre 40 richieste da parte di altrettanti istituti finanziari che intendono offrire servizi di criptovalute. Tra di esse, Solaris Bank aveva ricevuto l’autorizzazione e può operare come fornitore di servizi di custodia crypto. 

La Germania dunque si mostra aperta alle modifiche introdotte dalla tecnologia blockchain e pare pronta a sfidare i cambiamenti che queste innovazioni comportano.

È anche la dimostrazione che non si può fare a meno di una regolamentazione. Avere chiarimenti sul quadro normativo entro cui muoversi non potrà che attirare maggiori investitori e dare modo al settore di espandersi. 

 

Eleonora Spagnolo
Eleonora Spagnolo

Giornalista con la passione per il web e il mondo digitale. È laureata con lode in Editoria multimediale all’Università La Sapienza di Roma e ha frequentato un master in Web e Social Media Marketing.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.