banner
NEM: arrestati due uomini coinvolti nell’hack di Coincheck
NEM: arrestati due uomini coinvolti nell’hack di Coincheck
Blockchain

NEM: arrestati due uomini coinvolti nell’hack di Coincheck

By Amelia Tomasicchio - 11 Mar 2020

Chevron down

A Tokyo la polizia ha arrestato oggi due uomini che detenevano dei NEM rubati durante l’hack ai danni dell’exchange Coincheck avvenuto nel gennaio del 2018.

Ai tempi, l’exchange perse oltre 530 milioni di dollari in NEM. La crypto fu poi listata nuovamente su Coincheck a novembre dello stesso anno, segnando un valore di +15% durante quel giorno.

Il Dipartimento di Polizia Metropolitana ha così arrestato un dottore di Hokkaido e un amministratore delegato di una società di Osaka; entrambi gli uomini sono sulla trentina. Si tratta delle prime due persone arrestate coinvolte nell’hack di Coincheck.

In realtà questi due uomini non avrebbero direttamente partecipato all’attacco hacker dell’exchange ma avrebbero acquistato i NEM sul Dark Web nonostante sapessero che erano gli stessi che erano stati rubati.

Sempre a Tokyo ci sarebbero oltre 100 investigatori che stanno lavorando al caso di Coincheck al fine di recuperare le crypto rubate. Pare che la maggior parte dei NEM presi illecitamente durante l’hack sia stata cambiata con altre crypto come BTC.

Crypto hack: altri casi simili

Anche in Cina durante il 2018 erano stati arrestati tre esperti del settore IT, provenienti rispettivamente dalla provincia di centrale di Hunan, da quella di Zhang e da Pechino, coinvolti in una grossa truffa da – ai tempi – 87 milioni di dollari.

Purtroppo nel corso degli anni gli hack ai danni di exchange sono stati molti, a partire dal più famoso di Mt. Gox. Nel corso del 2019, per esempio, sono stati chiusi quasi 20 crypto exchange, alcuni di questi proprio per colpa di attacchi hacker.

Non a caso il consiglio che tutti danno nel settore nel momento in cui ci si approccia alle crypto è quello di non lasciare i propri fondi su exchange centralizzati o di usare exchange decentralizzati che appunto non custodiscono le criptovalute degli utenti e quindi sono meno soggetti ad attacchi.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.