Dash: ottima performance per la crypto nel 2020
Dash: ottima performance per la crypto nel 2020
Altcoin

Dash: ottima performance per la crypto nel 2020

By Amelia Tomasicchio - 1 Apr 2020

Chevron down

Durante i primi tre mesi del 2020 una delle crypto che si è fatta notare per il suo andamento positivo, nonostante il declino di molte altre criptovalute soprattutto nel mese di marzo, è stata Dash.

Tra le crypto ad essere più usate soprattutto dalla gente in Venezuela non solo come store of value ma anche per comprare beni di prima necessità, da poco Dash è stata anche supportata da oltre 10mila ATM in Messico e ha stretto una partnership con Parsiq per facilitare l’accettazione della crypto come metodo di pagamento da parte dei commercianti soprattutto in Asia.

Queste e altre news come per esempio la categorizzazione da parte della SEC a fine 2019, hanno permesso a Dash di fare ottime performance, segnando un +30% da gennaio ad oggi.

Senior Analyst di eToro, Nemo Qin, in merito all’andamento positivo che ha contraddistinto la Dash nel corso dell’ultimo trimestre, ha infatti spiegato:

“È stato uno dei crypto asset più performanti di questo trimestre per una serie di motivi. Innanzitutto la Security and Exchange Commission degli USA (SEC), che riconosce come ‘sicuri’ un numero molto esiguo di crypto asset, ha conferito tale qualifica a Dash. Una classificazione che contribuisce a dare legittimità, di riflesso, anche alle altre criptovalute. Dash ha anche lavorato molto su collaborazioni strategiche con importanti brand internazionali come Burger King, o con governi, come quello della Germania e del Venezuela. La valuta locale di quest’ultimo paese è, infatti, afflitta da iperinflazione, pertanto molti cittadini venezuelani si rivolgono alle criptovalute come alternativa. Questo tipo di collaborazioni, insieme transazioni rapide e dai costi inferiori rispetto a Bitcoin, rende Dash preferibile nell’utilizzo quotidiano. Ma c’è anche un ultimo ed importante aspetto – conclude Nemo Qin – e consiste nella ricompensa che la PoW di Dash riconosce ai miners che posseggono più di 1.000 Dash, ai quali è consentito di ottenere un nodo Dash. Una strategia che aiuta ad attirare gli investitori e a fidelizzarli nel lungo periodo”.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.