dForce: dopo l’hack avvia il recupero dei fondi
dForce: dopo l’hack avvia il recupero dei fondi
Sicurezza

dForce: dopo l’hack avvia il recupero dei fondi

By Alfredo de Candia - 27 Apr 2020

Chevron down

Solo una settimana fa la piattaforma DeFi Lendf.Me di dForce aveva subito un hack che aveva portato alla perdita di fondi per ben 25 milioni di dollari, ma nel giro di un paio di giorni questi erano stati restituiti e così il sistema di recupero di questi fondi ha preso prontamente il via, come annunciato su Twitter un paio di ore fa.

dForce, cos’era successo durante l’hack

Il team di dForce ha quindi subito provveduto a porre rimedio all’accaduto, facendo anche un auditing dei dati insieme ad una società terza per stabilire un piano di distribuzione, sviluppare il sistema di recupero dei fondi e così via.

Lendf.Me era stato infatti messo offline per migliorarne la sicurezza, ma da ieri è di nuovo attivo ed ha anche un sezione relativa al recupero dei fondi, previa accettazione di alcuni termini di servizio.

Visto che i fondi sono stati restituiti dagli hacker, gli utenti della piattaforma ne potranno ritornare in possesso.

La scadenza per il recupero dei suddetti fondi è prevista per il 10 maggio 2020: dopo quella data, si spiega nell’articolo pubblicato da dForce, si procederà a liquidare i fondi di chi non avrà provveduto a ritirarli.

Si ricorda che per recuperare i propri fondi bisognerà utilizzare lo stesso indirizzo con cui si operava con la piattaforma e, una volta collegato il wallet, si potranno manualmente prelevare i fondi.

Nel post, dForce raccomanda di collegarsi alla pagina ufficiale del portale e di verificare l’indirizzo dedicato al recupero (questo) così da evitare tentativi di phishing o scam.

Il copia ed incolla del codice che avrebbe usato dForce è stato duramente criticato dai vertici di KAVA, come ha spiegato in una recente intervista Scott Stuart, ma almeno l’hack si è risolto nel migliore dei modi.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.