banner
BitMEX chiude in Giappone
BitMEX chiude in Giappone
Regolamentazione

BitMEX chiude in Giappone

By Alfredo de Candia - 28 Apr 2020

Chevron down

L’exchange BitMEX ha avvisato gli utenti del Giappone che il servizio di trading verrà terminato a partire dal 30 aprile per i nuovi utenti e dal primo maggio per i vecchi utenti.

Come spiegato nel comunicato, un utente che risiedesse in territorio nipponico non potrà più aprire nuove posizioni o piazzare nuovi ordini; tutti i precedenti ordini e posizioni continueranno fino alla risoluzione degli stessi, secondo contratto.

La decisione drastica è stata presa a seguito alla pubblicazione degli emendamenti chiamati Japan Financial Instruments and Exchange Act e Japan Payment Services Act che entreranno in vigore il prossimo primo maggio e che impongono delle regole molto precise in merito alle crypto.

Infatti, parliamo di regole e procedure che definiscono degli standard per coloro che operano, conto terzi, nel settore della gestione delle crypto, come ad esempio gli exchange come Bitmex.

Tra le varie regole che dovranno essere adottate, l’emendamento spiega come devono essere gestiti i fondi con i cold wallet, quale percentuale dei fondi degli utenti si possono detenere sulla piattaforma, l’obbligo di fare un auditing ed altre regole di varia natura che chi opera nel territorio giapponese nel settore crypto dovrà mettere in atto.

BitMEX è favorevole a questa regolamentazione ed ha confermato che lavorerà con le autorità locali per adempiere ai doveri e permettere agli utenti di operare in tutta tranquillità, anche se per forza di cose adesso dovrà interrompere il servizio e forse in futuro, dopo aver sistemato la piattaforma, potrà permettere di nuovo la gestione dei fondi e delle operazioni anche agli utenti giapponesi.

Come sappiamo, la regolazione in questo settore a volte porta alla chiusura o allo spostamento della sede legale in altri stati più crypto friendly, anche perché le sanzioni ma anche i costi per adattare queste misure sono ingenti e quindi spesso le aziende preferiscono chiudere o escludere determinati territori.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.