Medicalchain: “La blockchain nella lotta al Coronavirus”
Medicalchain: “La blockchain nella lotta al Coronavirus”
Interviste

Medicalchain: “La blockchain nella lotta al Coronavirus”

By Amelia Tomasicchio - 2 Mag 2020

Chevron down

The Cryptonomist ha intervistato Dr. Abdullah Albeyatti, CEO di Medicalchain per parlare dell’attuale crisi del coronavirus e di come la tecnologia blockchain possa aiutare.

Il vostro whitepaper menziona un braccialetto contenente le informazioni mediche di una persona, qualche notizia al riguardo?

Il braccialetto è un pezzo interessante del nostro whitepaper, lo abbiamo mostrato dal vivo a molti spettatori durante il nostro tour mondiale, dove abbiamo incontrato molte persone diverse, di culture diverse ma con gli stessi problemi e frustrazioni legate alle cartelle cliniche.

Come per ogni azienda, soprattutto per una start up – abbiamo dovuto dare priorità ai nostri flussi di lavoro e ci siamo resi conto che prima di tutto dovevamo preparare le nostre fondamenta per poter costruire il nostro sistema Medicalchain. Dopo aver prima cementato la nostra infrastruttura blockchain, abbiamo poi dovuto aggiungere un’interfaccia utente per interagire con essa e questo ci ha portato a produrre MyClinic.com.

Possiamo facilmente aggiungere dispositivi indossabili alla nostra piattaforma, incluso il nostro prototipo di braccialetto, ma per essere conformi alle normative sanitarie dovremmo completare una serie di test sui dispositivi medici, compilare una serie di documenti ed effettuare un investimento sostanziale per far certificare il nostro braccialetto come dispositivo medico. Pertanto, abbiamo deciso di continuare a sviluppare, costruire e migliorare la nostra soluzione MyClinic.com prima di impegnarci a completare il progetto del braccialetto – ma ci auguriamo che non sia troppo lontano nel futuro!

In un momento di crisi sanitaria come quello che stiamo vivendo con il Coronavirus, come potrebbe aiutare la blockchain? E come potrebbe essere d’aiuto il vostro progetto?

Penso che la blockchain potrebbe aiutare in modo simile a come internet ha aiutato in questi tempi difficili – tuttavia, tutto dipende dal modo in cui si utilizza la tecnologia. La blockchain in ambito sanitario sarebbe un ottimo modo per dimostrare con un’immutabile traccia di audit dello status di COVID19, per verificare se qualcuno ha gli anticorpi giusti per la malattia e, si spera, nel prossimo futuro, se ha ricevuto il vaccino.  

Questo sarebbe un modo straordinario per risolvere la situazione di isolamento in tutto il mondo, poiché potremmo tornare a viaggiare e ad attraversare le frontiere mostrando le suddette credenziali necessarie per entrare in un paese o in una città.

Medicalchain è ovviamente molto coinvolta nel cercare di servire gli operatori sanitari e i loro pazienti durante questo difficile periodo, e io come medico sono stato molto occupato in diverse cliniche a seguire i pazienti malati e ad aiutare laddove ho potuto. Come risultato di questa crisi, abbiamo creato MyClinic.com Rooms in sole 2 settimane!

Si tratta di uno strumento di video consultazione gratuito che qualsiasi professionista sanitario in tutto il mondo può utilizzare per generare un codice della clinica e condividerlo con i propri pazienti per iniziare a consultarli. È utilizzato in oltre 42 paesi già dalla fine di marzo e viene utilizzato da una serie di professionisti, tra medici, dentisti, fisioterapisti e psicologi.

Come sta andando lo sviluppo complessivo di Medicalchain?

Stiamo andando di bene in meglio, ampliando le dimensioni dei nostri team per adeguarci al carico di lavoro necessario a produrre le nostre soluzioni.  Abbiamo recentemente vinto un premio da The Financial Times Intelligent Business 2019 Winners per la nostra soluzione blockchain e siamo stati riconosciuti come fornitore di consulenza online approvato dal Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito come parte del quadro DPS.

Infine, abbiamo concordato con il Medway Innovation Hub di pilotare la nostra tecnologia nel loro Clinical Commissioning Group, un gruppo di 55 studi medici di famiglia provenienti da tutte le città di Medway che fornisce assistenza a una popolazione di 295.223 pazienti.

Quest’anno si sta rivelando un anno critico sia per la salute che per la tecnologia e credo che siamo in una posizione forte per sfruttare al meglio le opportunità che ci vengono presentate, non solo a livello nazionale ma su scala globale. 

Cosa pensi dell’attuale crisi economica e del ruolo di crypto e bitcoin?

Penso che siamo tutti profondamente consapevoli della fragilità dell’attuale sistema economico globale, che ha subito una battuta d’arresto negli ultimi anni. Questa recente pandemia globale ha ulteriormente evidenziato come il sistema debba cambiare e adattarsi, poiché gli asset considerati forti e affidabili crollano uno dopo l’altro di fronte a un barile di petrolio che ora è al prezzo più basso mai registrato.

È importante e vitale che coloro tra noi che comprendono e utilizzano quotidianamente le criptovalute continuino a sostenere una valuta come bitcoin per farla naturalmente entrare nel mainstream e avere un impatto e un ruolo più sostanziale nei tempi moderni.

Questo accadrà veramente solo quando le nazioni si renderanno conto che bitcoin è un bene più stabile di quelli a cui sono abituati a dipendere e che stanno soffrendo in questa crisi globale.

 

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.