I certificati arrivano sulla blockchain di EOS
I certificati arrivano sulla blockchain di EOS
Blockchain

I certificati arrivano sulla blockchain di EOS

By Alfredo de Candia - 4 Mag 2020

Chevron down

Una funzione interessante che ogni blockchain può integrare è sicuramente quella di registrare dei certificati, cosa che presto potrebbe fornire anche EOS.

E’ stata infatti proposta un’integrazione per portare i certificati X.509, che è lo standard proposto dall’Unione internazionale delle telecomunicazioni, sulla blockchain di EOS.

“Questo documento propone di utilizzare i certificati PKI esistenti come identità sulla blockchain di EOSIO, al fine di eliminare la gestione delle chiavi private da parte dell’utente”, spiega infatti nel documento della proposta.

Lo scopo sarebbe quello di rendere possibile immagazzinare delle informazioni sulla blockchain sviluppata da Block.one, tra cui proprio i certificati univoci che attesterebbero l’autorevolezza del dato generato.

Questo sistema potrebbe addirittura soppiantare il tradizionale KYC (Know Your Customer) perché tramite esso si potrebbero registrare le proprie  informazioni private e permettere di leggere solo a specifiche dApp (applicazione decentralizzata) autorizzate che necessitano della verifica dell’identità degli utenti. 

“Si apre una funzionalità totalmente nuova e inesplorata nell’utilizzo dei certificati emessi dal governo per l’identità sulla blockchain. Questi sarebbero in grado di sostituire completamente il costoso processo KYC. Tale utilizzo richiede uno studio approfondito di progettazione, tenendo conto delle implicazioni legali e della privacy”, si spiega infatti nella proposta.

Chi propone questi certificati su EOS?

Il progetto è stato promosso da cc32d9, ovvero dal Block Producer conosciuto come EOS Amsterdam, che ha già tenuto un corso avanzato su EOS e su altre blockchain presso l’Università di Ginevra, come fu annunciato lo scorso novembre 2019.

 Sicuramente rappresenta un’iniziativa interessante, anche se serve l’appoggio di diversi elementi per poter creare qualcosa di questo genere e poi implementarla con successo, ma le applicazioni per questo tipo di sistema sono praticamente infinite.Di recente un progetto simile, ma in quel caso relativo solo al timestamp, è stato anche lanciato sulla blockchain di Zilliqa grazie a ZILHive Grant e al contributo di Hybridverse.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.