banner
BREAKING NEWS: Gli investitori di Telegram TON stanno organizzando una class action
BREAKING NEWS: Gli investitori di Telegram TON stanno organizzando una class action
Blockchain

BREAKING NEWS: Gli investitori di Telegram TON stanno organizzando una class action

By Amelia Tomasicchio - 11 Mag 2020

Chevron down

The Cryptonomist ha avuto l’opportunità esclusiva di condurre un’intervista con gli investitori della vendita di token Telegram TON e così abbiamo scoperto che una parte di questi investitori sta pensando di organizzare una class action contro Telegram.

Per motivi di privacy sono voluti rimanere anonimi, ma le seguenti sono le risposte di un gruppo di investitori molto seccati e arrabbiati con il team di Telegram, soprattutto dopo le ultime notizie sulla mancata emissione dei token Gram.

Come siete riusciti a partecipare alla token sale di Telegram? 

Nel nostro team abbiamo sempre avuto ottimi rapporti con il mondo crypto e con alcuni funzionari di Telegram. Il progetto ci è piaciuto fin dall’inizio e ci siamo fidati del team di Telegram. Il progetto promuoveva tutti i valori che vediamo nella rivoluzione della blockchain. 

Il progetto era (ed è) solido e ben realizzato. Annunciato nel 2017, ha ricevuto una prima ondata di finanziamenti a cui non abbiamo potuto partecipare per mancanza di tempo, riuscendo a contribuire alla seconda ondata di finanziamenti. 

Quali erano le vostre aspettative per un progetto di queste dimensioni? 

Ci aspettavamo che sarebbe riuscito a creare un nuovo straordinario ecosistema blockchain. E il progetto ha effettivamente raggiunto risultati eccellenti, con il token che ha funzionato bene nell’ambiente di testing.

Ci aspettavamo che il quadro giuridico sarebbe stato realizzato “meglio” e che avrebbe evitato tutti i problemi con la SEC.

Penso che mentre gli scienziati, i programmatori, gli economisti, i matematici hanno fatto un ottimo lavoro, gli avvocati non erano allo stesso livello. Ci aspettavamo di ricevere i token e ci aspettavamo di essere trattati con più considerazione e rispetto dal team di Telegram. 

Abbiamo finanziato il progetto Gram e anche la piattaforma di messaggistica, permettendogli di raddoppiare i suoi utenti in 2 anni, e ora veniamo liquidati in perdita senza alcuna considerazione.

 Il fatto che i canali/blog ufficiali di Telegram non abbiano mai discusso la vendita di token e che tutto fosse alquanto segreto, non vi ha spaventato? Come sapevate che fosse tutto vero? 

Il progetto non era “segreto”, era una strategia, e per accelerare il processo è stato riservato a controparti qualificate. Abbiamo sempre ricevuto un’ottima comunicazione all’inizio, fino al caso della SEC. Nonostante il rispetto della necessità di trattare il caso con discrezione, noi, in quanto investitori, non possiamo accettare di essere trattati in questo modo. Abbiamo finanziato lo sviluppo di Gram e non abbiamo ottenuto nulla. 

Ora che non avete ricevuto gettoni, ma dovete decidere se perdere il 28% o guadagnare il 10% in 1 anno cosa pensate di fare? Procederete per vie legali? 

Non c’è la certezza di “guadagnare” il 10% in un anno, in quanto il prestito è richiamabile dopo 3 mesi. Telegram può anche chiedere il prestito in agosto con una perdita del 18% per i finanziatori del progetto. Inoltre, abbiamo finanziato il progetto per ricevere i Gram per non ottenere un prestito dalla piattaforma di messaggeria. Abbiamo chiesto a Telegram di riconsiderare la loro posizione perché sicuramente non siamo contenti.

Siamo in contatto con altri investitori che stanno organizzando una class action contro Telegram e potremmo unirci a loro presto.

In ogni caso il punto più importante è che se Telegram non riesaminerà la propria offerta, sia che gli investitori accettino o decidano di andare in tribunale, perderà ogni credibilità come azienda e metterà a repentaglio il rapporto con i soci o con eventuali stakeholder in futuro. Non credo che Telegram potrà mai qualificarsi per una IPO.

Prima dell’annuncio ufficiale del blocco dei token, avevate pensato che potesse accadere? Avete cercato di ritirarvi dall’investimento? 

Mai, siamo stati regolarmente aggiornati che il token e la piattaforma stavano funzionando molto bene e quindi ci aspettavamo l’emissione di Gram, seppur forse limitata ad acquirenti non statunitensi (a causa della SEC). Non l’abbiamo mai considerato come un investimento ma come un acquisto di un token futuro, e non abbiamo mai cercato di ritirarci dall’investimento.

Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.