Blockchain, machine learning e IA
Blockchain, machine learning e IA
Blockchain

Blockchain, machine learning e IA

By Alfredo de Candia - 14 Mag 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

La blockchain può essere usata anche nel settore del machine learning e in associazione con l’intelligenza artificiale (IA).

Vediamo quindi come possono essere integrati o come sono stati già utilizzati per portare queste tecnologie ad un livello superiore. 

La blockchain nel machine learning 

La blockchain permette di avere una robustezza non indifferente dal punto di vista della sicurezza del dato: quando questo viene registrato su blockchain, passando prima da una fonte “attendibile” come può essere un oracolo (possibilmente decentralizzato) possiamo recuperarlo in maniera decentralizzata e senza che possa essere manomesso.

Si parla di ogni tipo di dato, quindi anche quelli gestiti dai sistemi di machine learning o di intelligenza artificiale. 

Per esempio il progetto messo in piedi dall’azienda SingularityNet permette di decentralizzare gli algoritmi ed avere un mercato di dati sulla blockchain che chiunque può utilizzare, quindi non un mercato chiuso e centralizzato. Ed è così che si è costruito il robot Sophia.

Un altro progetto in questo ambito, basato sulla blockchain di EOS, è anche Effect.ai che si frappone tra la blockchain e le varie dApp (applicazioni decentralizzate). 

Il machine learning 

Veniamo a questo punto ad un elemento importante che è strettamente collegato all’intelligenza artificiale che è quello del machine learning, che permette di fornire ai computer la capacità di imparare qualcosa senza che gli venga spiegato nulla ma accedendo ai vari dati che trova in rete o su blockchain.  

Il machine learning è proprio basato sui dati che, se caricati in blockchain, e quindi resi “certi” e “verificati”, possono essere analizzati elaborando un modello o una previsione di un determinato evento. 

Spingendoci oltre, con l’integrazione di questi elementi potremmo arrivare ad un’evoluzione anche del protocollo di consenso, passando dai più tradizionali PoW, PoS, DPoS a quello PoI (Proof of Intelligence), per esempio usato da AION.

Si tratta di un’evoluzione della PoW, in cui i validatori allenano una IA a risolvere problemi matematici sempre più complessi in modo da non dover incrementare la difficulty, visto che sarà l’IA stessa a settare la “difficoltà” per impedire gli attacchi da parte di soggetti con un potere enorme. 

Al momento siamo ancora lontani da vedere qualcosa di completo e funzionante in questo settore, ma in futuro non è detto che non sia raggiungibile visto anche i progressi che si stanno facendo nel settore dei computer quantistici.

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.