Revolut: le spese degli italiani aumentano dopo il lockdown
Revolut: le spese degli italiani aumentano dopo il lockdown
Fintech

Revolut: le spese degli italiani aumentano dopo il lockdown

By Amelia Tomasicchio - 18 Giu 2020

Chevron down

Secondo una nuova analisi, Revolut mostra come le spese degli italiani stiano recuperando terreno dopo il lockdown causato dal Coronavirus.

A giugno, infatti, le transazioni in negozio realizzate con la carta sono tornate agli stessi livelli di inizio marzo, mentre i volumi di spesa sono del 25% più alti del periodo precedente.

Questi volumi si riferiscono soprattutto a ristoranti, trasporti ma anche a monopattini in sharing e home decor.

Nel frattempo anche gli acquisti online crescono di nuovo e anche in modo significativo.

Con i suoi oltre 12 milioni di clienti in Europa, Revolut effettua spesso le analisi di spesa dei suoi clienti e così ha potuto verificare che con la fase 2 attualmente in atto in Italia le spese degli italiani stanno recuperando terreno.

Come spendono gli italiani?

I dati di questa ricerca analizzano gli acquisti degli oltre 400.000 clienti italiani negli ultimi mesi.

A partire dal 18 maggio le transazioni fisiche con carta sono aumentate in maniera significativa e, nella seconda settimana di giugno, queste hanno raggiunto i livelli di prima dell’inizio del lockdown.

I volumi di giugno, invece, sono del 25% più alti rispetto a febbraio, a dimostrazione del fatto che gli italiani hanno voglia di tornare alla vita normale, mentre il numero di transazioni effettuate online è del 23% più alto.

Guardando alle categorie di spesa, il numero di transazioni effettuate presso i negozi è del 30% più alto rispetto a febbraio. Tra maggio e giugno la carta è stata usata in ristoranti e per l’acquisto di trasporti, ma si attestano ancora rispettivamente a -45% e -35% rispetto all’inizio di marzo.

Per quanto riguarda la spesa nei supermercati, il numero di transazioni è del 23% più basso rispetto ai livelli pre-lockdown.

Per quanto riguarda altre categorie, si hanno picchi anche negli acquisti di home décor, abbigliamento e fast food.

Qui alcuni esempi: 

  • Trenitalia +128%;
  • Trainline +172%;
  • Sharing mobility urbana (Dott +448%, Helbiz +167%, Enjoy +82%);
  • Bricolage e arredamento (Ikea +329%, Leroy Merlin +108%);
  • Abbigliamento (Decathlon +135%, Calzedonia +93%);
  • Mcdonald’s e Burger King +175% e +180%.
Amelia Tomasicchio
Amelia Tomasicchio

Esperta di digital marketing, Amelia inizia a lavorare nel settore fintech nel 2014 dopo aver scritto la sua tesi di laurea sulla tecnologia Bitcoin. Precedentemente è stata un'autrice di Cointelegraph e CMO di Eidoo. Oggi è co-founder e direttrice di Cryptonomist.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.