Bitcoin faucet: cosa sono e piattaforme funzionanti
Bitcoin faucet: cosa sono e piattaforme funzionanti
Bitcoin

Bitcoin faucet: cosa sono e piattaforme funzionanti

By Alfredo de Candia - 9 Ago 2020

Chevron down
Ascolta qui
download

Un tipo di piattaforma che troviamo nel settore della blockchain e delle crypto è quello dei faucet, ossia strumenti che permettono di recuperare in maniera del tutto gratuita Bitcoin e altre crypto svolgendo delle semplici operazioni.

Cosa significa Faucet

Faucet è una parola inglese e tradotta in italiano significa rubinetto, per dare l’idea che dal rubinetto sgorga acqua così come le crypto dalle app.

Le aziende versano delle proprie crypto in un faucet, per esempio per scopi di marketing, e gli utenti possono aprire questo “rubinetto” per ricevere le crypto in questione, dopo aver svolto alcune azioni.

Come nascono i faucet

La storia ci insegna che uno dei primi faucet che furono messi in piedi, lo creò Gavin Anderson nel lontano 2010, creando il sito The Bitcoin Faucet che regalava ben 5 Bitcoin (BTC) ad ogni visitatore.

Basta soltanto insererire il proprio indirizzo bitcoin e completare un semplice CAPTCHA, così da non rischiare che venissero utilizzati bot per svuotare la riserva da ben 750 BTC.

La prima transazione risale all’11 giugno 2010 e, da notare, non c’erano fee.

A cosa servono i Faucet

I faucet sono stati concepiti per diffondere una determinata crypto tra le persone e quindi semplificare il processo di ottenimento.

Se è vero che all’epoca si poteva minare bitcoin con un semplice pc, erano in pochi quello che davvero sapevano destreggiarsi tra i vari comandi e sicuramente non era un’operazione semplice per un utente non addetto ai lavori. Con un faucet, invece, si distribuiva direttamente la crypto a tutti coloro che volevano utilizzarla o provare il suo funzionamento.

Come si sono evoluti i Faucet

I faucet, come detto, sono nati per diffondere una determinata crypto, ma nel corso del tempo questo strumento è stato utilizzato come strumento di marketing.

Infatti, basta creare piattaforme delle piattaforme tali per cui gli utenti, se effettuano determinate operazioni come sondaggi, iscrizioni a servizi e così via, ricevono crypto.

Quanto ci si guadagna con i Faucet

Per rispondere a questa domanda dobbiamo prima ricordare che le piattaforme faucet mettono a disposizione un sistema di referral in cui i nuovi utenti che si iscrivono forniranno una parte dei loro guadagni al referral.

In questo modo è possibile amplificare l’effetto del faucet.

A seconda della piattaforma che andremo ad utilizzare il premio e la crypto cambieranno: parliamo comunque sempre di frazioni di crypto.

Alcuni, per esempio, mettono a disposizione, ogni ora, circa una decina di satoshi di Bitcoin, quindi nell’arco delle 24 ore possiamo al massimo recuperare 240 satoshi.

Un utente medio potrebbe al massimo effettuare 10 volte il claim visto che comunque richiede del tempo d’attesa non indifferente, quindi parliamo ci circa 100 satoshi al giorno.

Moltiplicando queste cifre per un mese o per un anno per capire il guadagno finale, vuol dire che in 30 giorni si racimolano 3000 satoshi ovvero $0,30, mentre in un anno si arriva a 36500 satoshi, ovvero appena 4 dollari.

In sostanza una persona dovrebbe farlo solo nel caso in cui creda che i prezzi salgano e che quei satoshi possano un giorno valere qualcosa di interessante.

Quali sono i migliori Bitcoin Faucet in circolazione?

In questo settore possiamo trovarne veramente moltissimi faucet, ma non tutti sono affidabili.

Un parametro per giudicare l’affidabilità di un faucet è sicuramente il tempo di attività, per cui se è attiva diversi anni allora è molto probabile che sia affidabile e che paga gli utenti.

Tra i vari faucet che abbiamo testato troviamo:

 

Alfredo de Candia
Alfredo de Candia

Android developer da oltre 8 anni sul playstore di Google con una decina di app, Alfredo a 21 anni ha scalato il Monte Fuji seguendo il detto "Chi scala il monte Fuji una volta nella vita è un uomo saggio, chi lo scala due volte è un pazzo". Tra le sue app troviamo un dizionario di giapponese, un database di spam e virus, il più completo database sui compleanni di serie Anime e Manga e un database sulle shitcoin. Miner della domenica, Alfredo ha una forte passione per le crypto ed è un fan di EOS.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.